Spese pazze, soldi regionali per spese private: chiesto rinvio a giudizio per sei esponenti ex Idv - IVG.it
Cronaca

Spese pazze, soldi regionali per spese private: chiesto rinvio a giudizio per sei esponenti ex Idv

fusco, paladini, scialfa

Liguria. C’è Nicolò Scialfa, ex capogruppo in Regione dell’Idv, c’è Marylin Fusco, ex vicepresidente della Giunta e suo marito Giovanni Paladini, ci sono anche Maruska Piredda, Stefano Quaini e Giorgio De Lucchi, ex tesoriere del gruppo.

Un intero gruppo dirigente per cui la procura di Genova ha chiesto il rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulle spese pazze in Regione. I sei sono accusati a vario titolo di peculato e falso per avere usato i fondi regionali per spese private. Secondo l’accusa avrebbero usato fondi pubblici per acquistare slip, libri scolastici, cibo per gatti, costose bottiglie di vino francese, viaggi e taxi.

Piredda e Quaini sono accusati anche di truffa ai danni dello Stato perché avrebbero falsificato alcune ricevute mettendo la firma di altri consiglieri. A De Lucchi, i pm Nicola Piacente e Silvio Franz contestano anche l’appropriazione indebita perché, secondo l’accusa, avrebbe intascato 11mila euro nel 2012. Ora le richieste saranno trasmesse al gip: a lui decidere se rinviare a giudizio i sei o proscioglierli.

leggi anche
fusco, paladini, scialfa
Pena
Spese pazze, chiesti 6 anni di carcere per l’ex Idv Scialfa e 4 anni e 8 mesi per Fusco e Paladini

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.