Pietra, clima pesante in Consiglio. Valeriani: "La minoranza non ha compreso che la campagna elettorale è finita" - IVG.it
Politica

Pietra, clima pesante in Consiglio. Valeriani: “La minoranza non ha compreso che la campagna elettorale è finita”

Dario Valeriani

Pietra Ligure. Mercoledì 29 ottobre si è riunito il Consiglio comunale di Pietra Ligure, per discutere su dieci mozioni presentate dalla minoranza consigliare. Il sindaco Dario Valeriani interviene per spiegare quanto accaduto e criticare il comportamento della minoranza stessa.

“La mia amministrazione ha dato prova di massima democrazia, presentandosi alla riunione e permettendo quindi lo svolgimento del Consiglio – afferma Valeriani (nella foto) -. E’ di tutta evidenza infatti che l’assenza dei membri di maggioranza non avrebbe permesso lo svolgimento dello stesso, ma da sempre riteniamo che fra i compiti di chi amministra ci sia anche quella di dare risposte a materie o domande proposte dalle minoranze”.

“Tale certezza democratica – prosegue – potrebbe venire meno in futuro. Nell’ultimo Consiglio è apparso chiaro che lo scopo delle minoranze non è quello di partecipare attivamente e responsabilmente al confronto, neppure con forte e legittimo spirito critico, sulle reali necessità della città, ma è solo quello di avere uno spazio per provvedere agli insulti, alla demagogia e alla maleducazione non avendo ancora compreso che la campagna elettorale è finita da cinque mesi”.

“La minoranza vorrebbe quindi continuare a convocare la maggioranza ogni venti giorni – sottolinea Valeriani -, bloccando il lavoro dei suoi membri e quello dei dipendenti del Comune, anche ripresentando mozioni già bocciate in precedenza anche cinque o sei volte!”.

“Tutto questo è inammissibile – ribadisce -. Nell’ultimo Consiglio, dopo quattro ore di discussioni inconcludenti, erano state trattate solo quattro delle dieci mozioni presentate, fra l’altro su temi a nostro avviso di scarso interesse per la cittadinanza rispetto ad altri argomenti presentati negli ultimi punti”.

“Considerato quindi il clima pesantissimo, frutto di scontri verbali personali e sterili – afferma il sindaco di Pietra -, abbiamo votato per la chiusura del Consiglio rinviando al futuro gli argomenti mancanti”.

“E’ stato davvero un peccato – dice Valeriani -, e nei prossimi giorni ci confronteremo per porre un freno a questi comportamenti irresponsabili che rendono la sede del massimo confronto democratico un luogo di scontro improduttivo”.

“In condizioni normali, come sindaco avrei voluto rendere pubblico il lavoro che stiamo facendo su Santa Corona e informare i cittadini sui cosiddetti ‘debiti fuori bilancio’. Lo faremo comunque – conclude il primo cittadino -, eventualmente anche al di fuori del Consiglio, visto che con il loro ostruzionismo le minoranze non permettono di usare il luogo preposto per il confronto con la città”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.