Maltempo, aziende della Piana devastate: la Cia al lavoro per quantificare i danni - IVG.it
Cronaca

Maltempo, aziende della Piana devastate: la Cia al lavoro per quantificare i danni

Serra allagata Albenga azienda floricola Panizza

Albenga. Aziende agricole danneggiate dalle abbondanti piogge: la Confederazione Italiana Agricoltori di Savona si muove per la conta dei danni. Nelle campagne di Albenga e Ceriale, in particolare nella zona adiacente al rio Carenda, i disagi causati dagli allagamenti provocati dall’esondazione del corso d’acqua sono notevoli: maggiormente colpite le colture a cielo aperto ma in alcune zone l’acqua non ha risparmiato nemmeno le colture in serra.

I dirigenti della Confederazione Italiana Agricoltori di Savona da questa mattina stanno effettuando sopralluoghi nelle aziende agricole maggiormente colpite per comprendere l’effettiva entità dei danni. “Dopo la ricognizione effettueremo la segnalazione all’ispettorato agrario, cui compete la delimitazione delle aree colpite dalla calamità per capire se sussitono le caratteristiche per ottenere lo stato di emergenza e di conseguenza avviare le formule di interventi – dichiara il direttore Osvaldo Geddo -. Nel territorio tra Albenga e Ceriale la situazione è a dir poco drammatica, l’ispettorato agrario sta effettuando i primi sopralluoghi. Invitiamo gli agricoltori a documentare con foto e video i danni subiti e di segnalare alle associazione le situazioni di emergenza quantificando quanto non è più recuperabile. In poche parole chiediamo di contare quanti vasi non potranno più essere destinati alla vendita, fotografare e filmare i danni alle infrastrutture”.

“Già lo scorso gennaio, dopo eventi meteorologici simili, con un documento comune, le associazioni di categoria avevano chiesto alle autorità competenti l’adozione di ordinanze contingibili e urgenti che autorizzassero i frontisti proprietari o conduttori di terreni ad eseguire senza ulteriore indugio interventi di sgombero, pulizia e provvisorio ripristino degli argini per una prima messa in sicurezza delle zone colpite.
Dopo questo nuovo episodio chiediamo un coordinamento sulle priorità dei futuri interventi in opere pubbliche da eseguire nel sopra indicato territorio al confine tra i comuni” conclude Geddo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.