IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alluvione, l’allarme di Anpana: “Spiagge del ponente invase dalla plastica, vanno bonificate al più presto”

Loano/Borghetto. Migliaia di vasi in plastica, abbandonati sulla spiaggia: è questo il ritrovamento fatto dagli agenti della Polizia Ecozoofila Anpana in servizio presso il comando provinciale di Savona sulle coste di Borghetto Santo Spirito e Loano.

I vasetti, del tipo impiegato nelle serre e nei vivai, potrebbero essere stati asportati durante il recente evento alluvionale dalla furia di corsi d’acqua in piena, che hanno invaso le aziende agricole, facendoli finire in mare e, da questo, riversati sulle spiagge loanesi e borghettine.

“Al momento non sono disponibili dati per altri Comuni – fanno sapere da Anpana – ma le Guardie Ecozoofile nei prossimi giorni estenderanno le osservazioni ad altri tratti di costa, per comprendere la reale portata del problema”.

“Il fenomeno – spiega il commissario Marco Castelli – ha dimensioni preoccupanti: siamo ben oltre i soliti rifiuti che, purtroppo, ad ogni mareggiata finiscono sul litorale. Chi si avvicina al mare si trova di fronte un paesaggio coperto da un quantitativo impressionante di plastica, con migliaia e migliaia di pezzi”.

“Oltre ad offrire un pessimo scenario ad eventuali turisti, si teme che questi vasetti non siano biodegradabili – continuano da Anpana – e dunque siano inquinanti, nonché pericolosi per i cetacei che potrebbero ingoiarli, venendone soffocati”.

Anpana ha quindi allertato la Provincia di Savona, il Comune di Borghetto e quello di Loano, chiedendo di bonificare rapidamente le spiagge, prima che altre mareggiate riportino al largo la plastica. “Abbiamo offerto disponibilità a collaborare gratuitamente alle operazioni di pulizia – concludono le guardie ecozoofile – attività che ovviamente non possiamo svolgere in modo indipendente, sia per l’elevatissimo numero di pezzi da raccogliere, sia perché necessita un sito idoneo ove effettuare lo smaltimento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    il problema di fondo è legato ad un vigile irresponsabile che ha multato qualcuno che dopo aver raccolto in sacchi l’immondizia trovata in un pezzo di spiaggia ha depositato tali sacchi nei cassonetti …. pur non essendo residenti ma turisti.
    Questi atteggiameti folli di una amministrazione locale “da eliminare” rendono difficile pensare ad un volontariato.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    mah con tutta la disoccupazione a basso reddito che abbiamo una campagna di raccolta plastica … volontaria ma pagata un tot a sacco raccolto rimetterebbe in circolo pochi soldi … ma per molti un qualcosa …
    Kennedy da piccolo raccoglieva qualcosa sulle spiagge per la paghetta.

  3. Scritto da ANPANA

    gentile lettore, la sua sarebbe una proposta ottima, che consentirebbe da un lato di restituire un bene a aziende già duramente colpite, dall’altro di riutilizzare i vasetti ,cosa molto piu’vantaggiosa per l’ambiente rispetto ad un semplice riciclo della plastica.Purtroppo, la maggioranza dei vasi è danneggiata,(rotta o schiacciata), probabilmente perché ha subito la furia delle acque in piena ,prima, e delle onde poi. Cio’rende i vasi pressoché inservibili.

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    qualche decina di pezzi … sono una scocciatura …. migliaia possono essere restituiti alle serre