La Regione elimina il rimborso degli alimenti aproteici, Melgrati e Rosso all'attacco: "Malasanità" - IVG.it

La Regione elimina il rimborso degli alimenti aproteici, Melgrati e Rosso all’attacco: “Malasanità”

melgrati

Liguria. “La Giunta Regionale si dimentica degli alimenti aproteici per chi soffre di insufficienza renale grave”. La denuncia viene dal capogruppo di Forza Italia Marco Melgrati e dal vice-Presidente della Commissione Sanità Matteo Rosso, che annunciano la presentazione di una interrogazione urgente.

La Giunta regionale con la deliberazione n. 1112 del 06/09/2014 ha rinnovato fino al 30 aprile 2014 la convenzione con Filse per la gestione del fondo per il rimborso delle spese per l’acquisto di alimenti aproteici per assistiti affetti da insufficienza renale cronica che hanno un reddito minimo (per un impegno di spesa di € 150.000,00). La percentuale di partecipazione alla spesa è configurata in questo modo: rimborso del 100% per valore ISEE fino a 10.000 euro; rimborso del 70% per valore ISEE da 10.000 a 20.000 euro.

“Questo provvedimento colpisce ancora una volta i malati della fascia economica più bassa della popolazione Ligure – attaccano Melgrati e Rosso – In base a tale deliberazione sono rimborsabili le spese sostenute solo fino al 31 dicembre 2013. E poi chi soffre di insufficienza renale grave (stadio 4 e 5) ed ha necessità di nutrirsi con questa tipologia di alimenti, dovrà pagarseli da solo”.

“E chi non potrà permetterseli? – si chiedono i due forzisti – Ed un kg di farina aproteica costa quasi 15 euro. Inoltre senza l’apporto di questi nutrimenti il processo degenerativo che porta alla dialisi accelera drasticamente”.

“Ci chiediamo – concludono Melgrati e Rosso – ma per la Sanità ligure costa di più rimborsare questi prodotti dietetici o una seduta di dialisi, che è lo stadio successivo per questi malati di insufficienza renale grave? E stiamo parlandi di una cifra irrisoria (€ 150.000,00) se commisurata al bilancio della Sanità in Liguria. Per noi ancora un caso di malasanità, che colpisce ancora una volta chi economicamente è più fragile”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.