Frane a Finale Ligure, Lega Nord all’attacco: “Comune immobile, serve commissione per monitorare il territorio”

Frane e strada provinciale chiusa

Finale Ligure. “I danni e i disagi causati alla comunità ogni qualvolta si presenta un evento piovoso di forte intensità come quello avvenuto qualche giorno fa lasciano dietro di se purtroppo strascichi sempre più pesanti”. La Lega Nord di Finale Ligure interviene così riguardo ai disagi emersi durante l’alluvione dello scorso 15 novembre.

“Finale e Varigotti – spiega – sono rimaste isolate in quanto si sono venute a creare frane in zone dove la volontà dell’uomo nel costruire e degli amministratori nell’autorizzare è stata più forte della natura impervia che regnava. Si è potuto notare ancora una volta come la situazione di smaltimento delle acque piovane nella zona tra Finalpia e Calvisio sia insostenibile con vicoli pedonali/carrabili che si trasformano all’improvviso in rii”.

“Tale situazione – continua – in maniera del tutto simile si è venuta a creare in Via Fiume zona Finalborgo dove l’acqua male incanalata partiva da San Bernardino e nella sua corsa distruggeva muri di fascia, allagava abitazioni e senza controllo alcuno attraversava Via Cavassola andando ad incanalarsi in Via Monticello. Alzando la testa e rivolgendola verso la collina di San Bernardino si può vedere come la zona sia stata edificata senza la benché minima programmazione e senza prevedere al risanamento di situazioni pericolose che tuttora vi sono in essere”.

“Quello che preoccupa – attacca la Lega – è l’immobilità dell’attuale amministrazione che aldilà di infondati proclami trionfalistici sulla gestione dell’emergenza, nulla di concreto sta organizzando. A tale proposito proponiamo la costituzione di una apposita commissione consigliare che si assuma l’onore di monitorare il territorio per verificare quali siano gli interventi più urgenti da approntare”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.