Bormida, bando per alloggi sfitti destinato ai cittadini dei comuni vicini

Case Bormida

La giunta comunale di Bormida, guidata dal sindaco Daniele Galliano, ha approvato un bando per i tre alloggi di proprietà comunale presenti in località Chiesa da affidare a persone con basso reddito. Ma i bormidesi sono tutti ‘serviti’ e pertanto, per non lasciare gli appartamenti sfitti, che si trovano in buone condizioni e necessitano solo di un’imbiancatura alle pareti, il primo cittadino ha deciso di proporli a residenti dei Comuni limitrofi.

Nei prossimi giorni uscirà ufficialmente il bando, per partecipare occorreranno due requisiti: essere contemplati nei parametri fiscali Isee e prendere la residenza a Bormida, atto per il quale sarà fissata una tempistica breve che verrà indicata nel documento. Insomma, un’apertura che ha due valenze: la prima è quella di arrestare la fuga dei bormidesi, che negli ultimi anni hanno preferito lasciare il piccolo centro montano per raggiungere comuni più comodi e con più servizi; la seconda, invece, é quella di dare una risposta all’emergenza abitativa in Val Bormida, e quindi anche una possibilità a chi non riesce a far fronte a spese per affitti più elevati.

A dire il vero, il canone di locazione dei tre alloggi bormidesi, ai quali ben presto se ne aggiungeranno altri due di edilizia convenzionata, oscilla tra i 50 e i 100 euro, tetto massimo, quest’ultimo, per chi è al limite della fascia di reddito Isee.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.