Alassio, lieto fine per Mario Riboldi e la sua famiglia: assegnata la casa popolare

Image0004

Alassio. Lieto fine per la vicenda di Mario Riboldi, il 60enne alassino, di origini piemontesi, con due malati in casa e senza un lavoro, che da tempo conduce una battaglia per avere un alloggio popolare per se e la sua famiglia. Finalmente la sua lunga lotta ha avuto successo.

Infatti, come primo nucleo in graduatoria, a seguito del bando comunale per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà di A.R.T.E., disponibili nel Comune di Alassio, sono state consegnate al Sig. Riboldi le chiavi dell’appartamento di via Pera.

Gioia ed emozione della famiglia, dopo aver vissuto una lunga e travagliata attesa che si accompagna alla soddisfazione del sindaco, dell’Assessore alle Politiche sociali e del personale dell’Ufficio Edilizia Privata per avere concluso positivamente un iter decisamente complesso.

A breve, di concerto con ARTE, si procederà all’assegnazione, al secondo nucleo in graduatoria, dell’altro alloggio ERP al presente libero.

Il problema casa anche ad Alassio è certamente sentito: 80 sono i nuclei familiari in graduatoria d’attesa e questo intervento, pur non risolutivo, è comunque una prima concreta risposta.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.