Sport

Savona calcio, niente ricorso per Marconi. Arturo Di Napoli: “Rammarico per sanzione iniqua”

Marconi-2

Savona. I fatti sono noti. Nelle lunghissime fasi concitate susseguenti la sospensione del match contro il Pontedera, con il pubblico di casa che premeva verso la zona dove si erano rifugiati i calciatori per riscaldarsi, con le veementi proteste per far sospendere definitivamente la partita, con la forza pubblica costretta a disporsi a cordone a protezione degli atleti e i direttori di gara chiusi nel loro stanzino che attendevano l’evolversi degli eventi, con la presenza nello spazio antistante gli spogliatoi di innumerevoli persone non autorizzate, è stato percepito da un esponente della procura federale un “atteggiamento irriguardoso verso la terna arbitrale” da parte del difensore biancoblù, a cui è stata comminata una giornata di squalifica.

Vista l’ esiguità della pena (una sola domenica di stop), consultati i legali della società, non si procederà al ricorso. “Ma rimane il rammarico per una sanzione iniqua – dice l’allenatore biancoblù Arturo Di Napoli – perchè io ero presente e Marconi non ha tenuto un comportamento nè irriguardoso, nè minaccioso”.

Continua intanto la preparazione in vista dell’impegno contro il Santarcangelo.

Si è rivisto sul campo il lungodegente Gizzi, che si è però limitato a svolgere un po’ di corsa leggera; lavoro differenziato in piscina per Speranza (infiammazione al tendine del retto femorale) e Biondo (problema al bicipite femorale).

E’ stato infine potenziato lo staff medico a disposizione della squadra e coordinato dal dott. Stellatelli: ne entrano a far parte la podologa dott.sa Vanessa Pucci e la dietista dott.sa Chiara Fenati

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.