Alluvione, l'81% dei Comuni nel Savonese a rischio di calamità naturali - IVG.it

Alluvione, l’81% dei Comuni nel Savonese a rischio di calamità naturali

alluvioni

Liguria. 56 Comuni su 69 nel Savonese sono a rischio di calamità naturali, in pratica l’81%: 11 per frane, 29 per alluvioni, 16 per frane e alluvioni. Sono i numeri dell’ultimo report sulle attività dei Comuni per la mitigazione del rischio idrogeologico, messo a punto da Legambiente e Protezione Civile.

Complessivamente i Comuni a rischio idrogeologico in Liguria sono 188 (l’80% del totale): 30 per le frane, 68 per le alluvioni e 90 per entrambi gli eventi. La media di pericolosità e rischio si attesta all’85%.

In generale gli italiani che vivono in zone esposte al pericolo di frane e alluvioni sono più di 6 milioni con ben 6633 Comuni in aree a rischio idrogeologico, pari all’82% del totale.

E a proposito degli interventi a difesa del suolo la Regione Liguria ha fatto il punto della situazione: “Siamo intervenuti sulla collina di Varazze, a S. Pietro di Casanova, con un intervento da 15 mln, siamo intervenuti per la frana a Murialdo, con l’utilizzo dei fondi FAS o dei fondi del PSR (piano di sviluppo rurale)”.

“Proprio per riuscire ad intervenire nella maniera più ampia per la messa in sicurezza del territorio abbiamo lavorato su tutti i finanziamenti che potevamo mettere in campo grazie ai fondi europei, non avendo risorse sufficienti dallo Stato. Nello specifico abbiamo utilizzato 24 milioni dei fondi FESR 2007-2013”.

“Per quanto riguarda la prossima programmazione dei fondi FESR e FSC che sostituiscono i FAS, programmazione che attualmente è in corso, porremo un’attenzione particolare, così come in passato, al tema del dissesto e della messa in sicurezza del territorio. Naturalmente a tutto ciò auspichiamo sia accompagnata anche una strategia di intervento nazionale per porre questo tema tra le priorità assolute del governo, anche attraverso l’investimento di maggiori risorse. Solo in questo modo infatti potremo ambire all’obiettivo di una riduzione drastica del rischio idraulico e idrogeologico”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.