Politica

Alluvione, Giovani Dem Liguria: “Serve autocritica e analizzare le responsabilità”

alluvione a genova

Liguria. “La tragedia che ha colpito Genova ha riaperto una ferita recente: quest’ultima alluvione suscita rabbia, sfiducia, frustrazione. Il solco che scava tra cittadinanza e politica, seppur comprensibile, spaventa e non può essere ignorato dagli amministratori e dal nostro partito”. I Giovani Democratici della Liguria commentano così i fatti relativi alla recente alluvione nel capoluogo della nostra regione.

“Crediamo sia giusto un percorso di riflessione e discussione autocritica che porti ad analizzare, se ci sono, le responsabilità e le mancanze e a risposte efficaci da restituire a chi ha perso tutto o chi semplicemente si chiede come sia stato possibile”, affermano.

“Vorremmo adesso un partito maturo che interrompa il percorso delle primarie per dimostrare di avere i piedi per terra, anzi, nel fango – dicono i Giovani Democratici – Non ci sembra il tempo dello scarica barile, le persone devono vedere nella politica e nelle istituzioni chi è eletto per decidere e assumersi responsabilità, anche nel fallimento e nella tragedia. Abbiamo da subito evitato le polemiche e, armati di pala, siamo scesi in strada a dare il nostro contributo, con umiltà e costernazione, senza bandiere e narcisismi”.

I giovani del Pd hanno intrapreso da tempo a livello nazionale una campagna per la messa in sicurezza del territorio. “Abbiamo elaborato una coraggiosa proposta di legge contro il consumo del suolo e a favore della riqualificazione del costruito – dichiarano – Potremmo prendercela con la burocrazia e le procedure ma il nodo rimane nel rivoluzionare l’approccio chiedendo prevenzione e investimenti e ponendo in Europa la necessità di scorporare le spese in questo senso dal calcolo del rapporto deficit/Pil”.

“Speriamo che a seguito di queste ultime alluvioni che hanno flagellato la Liguria non si perda più tempo”, concludono.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.