Politica

Albenga, Ciangherotti e Perrone (FI): “Pauroso il blocco di Oncologia al Santa Maria di Misericordia”

eraldo ciangherotti ginetta perrone

Albenga. “Se la chemioterapia può essere effettuata anche all’Ospedale Santa Maria di Misericordia non si capisce perchè l’assessore Montaldo abbia bloccato il servizio ad Albenga. Ci auguriamo che la città si ricordi di questo pauroso depotenziamento dell’unica struttura all’avanguardia del Ponente, progettata dal centrodestra secondo le più moderne concezioni di edilizia sanitaria e dotato di attrezzature di avanguardia a disposizione di ottimi professionisti”. Lo dichiarano i consiglieri comunali di Forza Italia Eraldo Ciangherotti e Ginetta Perrone.

“Dall’autunno scorso la consulenza specialistica esterna, proveniente dall’unico servizio oncologico dell’Asl Savona, non ha più funzionato a regime nel nostro ospedale ingauno, costringendo il reparto del Santa Maria di Misericordia ad inviare i pazienti in consulenza al Santa Corona – proseguono i consiglieri – Con un aggravio di spese per il paziente oltre al disagio per gli effetti collaterali della terapia lontano da casa”.

“Stabilito il protocollo clinico dai medici della struttura complessa di Oncologia, perchè il povero malato albenganese deve effettuare il ciclo di terapie fuori dal Santa Maria di Misericordia? – chiedono i forzisti – In quella struttura vi è sempre stato e continua ad esserci personale medico e infermieristico specializzato ed esperto nella somministrazione dei trattamenti farmacologici per la cura delle patologie neoplastiche, per altro con apparecchiature tecnologiche all’avanguardia”.

“Nella prossima campagna elettorale per le regionali faremo il nostro dovere, porta a porta, per scegliere tutti insieme la tutela della vita”, concludono Ciangherotti e Perrone.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.