Cronaca

Fu fermato con cocaina negli slip e in casa aveva 27 piante di marijuana: patteggia 2 anni

Andora. Nel maggio scorso era finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Questa mattina, un quarantaquattrenne andorese, Giuseppe Incarnato, ha chiuso il procedimento penale con un patteggiamento a due anni di reclusione e 1400 euro di multa.

All’imputato, che era assistito dall’avvocato Nazareno Siccardi, è anche stata concessa la revoca degli arresti domiciliari (misura sostituita con l’obbligo di presentazione in caserma). Incarnato doveva rispondere dell’accusa di detenzione di cocaina, hashish, ma anche di 27 piante di marijuana. Lo stupefacente era stato trovato dalla polizia di Alassio dopo un controllo stradale.

L’uomo era stato fermato per un normale controllo stradale, ma il suo atteggiamento particolarmente nervoso aveva finito per insospettire gli agenti. Nei suoi confronti era così scattata una perquisizione che aveva permesso di trovare 1,3 grammi di marijuana nascosti dentro un pacchetto di sigarette, ma anche 20 grammi di cocaina purissima che il quarantenne aveva occultato all’interno di una scatola di medicinale infilata negli slip.

A quel punto i poliziotti avevano eseguito un controllo anche all’interno dell’abitazione di Incarnato dove erano state trovate 27 piante in vaso di marijuana, 13 grammi della stessa sostanza, 15 di hashish, due bilancini di precisione, sostanza da taglio in barattolo e materiale che per gli investigatori era utilizzato per il confezionamento in dosi dello stupefacente.

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, l’appartamento era attrezzato per la coltivazione della marijuana sia all’aperto, per il periodo estivo, che all’interno della casa, grazie all’utilizzo di un impianto di illuminazione e riscaldamento per il periodo invernale. I poliziotti avevano sequestrato sia la droga che l’auto (di proprietà della convivente dell’uomo). Incarnato era anche stato denunciato per guida con patente revocata, un provvedimento che era stato emesso a causa delll’assunzione di sostanze stupefacenti.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.