IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Deposito della Sarr in fiamme a Cisano, rogo sotto controllo: si indaga per capire l’origine fotogallery

Cisano sul Neva. E’ ormai sotto controllo l’incendio che, questa mattina, è divampato in via Costarossa, in località Cenesi a Cisano, all’interno del deposito di materiale destinato al riciclo della Sarr (Società Ambientale Recupero Rifiuti). Il rogo non è ancora del tutto spento, ma i vigili del fuoco, supportati dai volontari della Protezione Civile, sono riusciti a sventare il pericolo che si espandesse anche alle aree adiacenti.

incendio cisano

Una volta spente le fiamme (per domarle è intervenuto anche l’autobotte dal comando dei pompieri di Imperia) si procederà con le operazioni di bonifica e messa in sicurezza del deposito che, probabilmente, andranno avanti per tutta la notte. Intanto nel pomeriggio, a causa del forte calore, un pezzo del tetto del capannone è crollato come già era accaduto questa mattina.

Nel frattempo vanno avanti anche gli accertamenti per cercare di capire cosa possa aver originato il rogo: una delle ipotesi è che nel materiale di rifiuto che una delle ruspe stava movimentando si sia originata una scintilla che, nel giro di pochi minuti, ha fatto divampare il terribile incendio.

In particolare, secondo Giorgio Loreto, titolare dell’azienda albenganese specializzata in recupero e riciclaggio di materiali, sarebbe stato il movimento di una balla di carta chimica che probabilmente al suo interno conteneva un accendino a generarlo. “Operiamo dal 2010 qui a Cenesi. Abbiamo 40 dipendenti e ogni anno movimentiamo almeno 1000 tonnellate di prodotti: plastica, carta e ferro – spiega Loreto -. L’incendio di questa mattina è stato sicuramente di natura
accidentale e non ci sono stati pericoli per l’ambiente circostante”.

“Alcuni cumuli di rifiuti a metà pomeriggio fumavano ancora, ma la situazione può essere definita sotto controllo. Per il momento non é servito evacuare alcuna abitazione” ha precisato il sindaco di Cisano Massimo Niero.

Sulle cause stanno indagando insieme i carabinieri della compagnia di Alassio e la squadra di polizia giudiziaria dei vigili del fuoco. Sembra scongiurato anche il pericolo dell’inquinamento ambientale che, in un primo momento aveva fatto temere il peggio. Dopo i primi monitoraggi sarebbero arrivate risposte rassicuranti secondo cui non ci sarebbe pericolo di dispersione di sostanze tossiche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Un fuocherello accidentale…