IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

BPL, Golfo dell’Isola, ma anche Tigullio e Antola: Berlangieri plaude all’unione dei comuni, “Ne sono orgoglioso” foto

Riviera. “Ne sono contento, e anche un po’ orgoglioso”. Non nasconde i propri sentimenti Angelo Berlangieri, assessore regionale al turismo, nel commentare la decisione di Borgio Verezzi, Pietra Ligure e Loano di fare fronte comune per tutto ciò che riguarda l’organizzazione degli eventi sportivi e dell’offerta turistica.

berlangieri

Una scelta che ricalca molto la vecchia “FPL”, come venne denominata a metà degli anni 2000 la sinergia instaurata da Finale, Pietra e Loano per ciò che riguardava il turismo. Berlangieri ora rivendica un po’ la paternità di questo nuovo tentativo: “Abbiamo lanciato questa idea un anno e mezzo fa – rivela – costruire dal basso aggregazioni territoriali che si parlino spontaneamente, e che abbiano una visione non di confini geografici, ma di interesse dal punto di vista dell’offerta turistica”

Una idea che ha progressivamente attecchito. “Un esempio è quello di Pietra, Borgio e Loano, a cui spero che anche Finale si unisca – auspica Berlangieri – ma ce ne sono altri: ad esempio ieri ero a Spotorno, che si è unita a Bergeggi, Noli e Vezzi nel ‘Golfo dell’Isola’ per rilanciare turismo ed economia”.

Una politica, continua Berlangieri, che sta avendo seguito anche al di fuori dei confini savonesi, con i comuni dell’area del Tigullio o quelli attorno al Parco dell’Angola che si stanno organizzando in un unico brand. “E la stessa cosa vogliono fare i comuni dello spezzino o quelli intorno a Ventimiglia, dove sarò la prossima settimana”.

Per tutti l’obiettivo è il medesimo: coordinare e promuovere assieme manifestazioni e iniziative, evitando eventi concorrenziali che spesso avvengono nello stesso weekend. “C’è un fermento dal basso di progressiva organizzazione che fa ben sperare – rilancia Berlangieri – per superare uno dei difetti più grandi della Liguria, che è sempre stato quello di guardare se stessi e non l’area comprensoriale nella quale si lavora”.

Una politica che in questi anni, conclude Berlangieri, ha penalizzato i comuni liguri, portandoli perdere gran parte delle opportunità di organizzare una proposta “che non è competizione l’uno con l’altro, ma è favorire l’economia dell’uno e dell’altro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.