IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, l’ex sindaco Guarnieri sulla prostituzione: “Referendum per sapere cosa vuole la gente”

Albenga. “Qualcuno mi sa dire il perché fanno sempre parlare Giovanardi contro la regolamentazione della prostituzione ?? Forse per far vincere facile la Lega Nord promotrice del referendum per l’abrogazione della Legge Merlin e regolamentazione e il riconoscimento dell’attività di meretrice??? Facciamo un referendum per far capire anche a Giovanardi cosa pensa la Gente della questione !!!”.

L’ex sindaco di Albenga Rosy Guarnieri torna sul tema della prostituzione e lo fa con un post su Facebook: già da primo cittadino di Albenga ed esponente della Lega Nord la Guarnieri si era battuta per una regolamentazione del fenomeno della prostituzione.

“La gente è sicuramente stufa di vedere il mercato del sesso in centinaia e migliaia di strade occupate giorno e notte da queste venditrici abusive!!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Franco
    Scritto da Franco

    Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico, sporcizia e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con questa assurda “Meretriciofobia”.
    In più, come si può fare con la Convenzione ONU 1949/51, che l’Italia, a differenza di altri Stati come la Germania e l’Olanda, ha definitivamente ratificato nel 1980 e l’articolo 75 comma secondo della Costituzione Italiana che vieta i referendum abrogativi sui trattati internazionali?
    In più, la prostituzione in Italia è già tassata, grazie ai dettami dell’articolo 36 comma 34bis della Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con le Sentenze n. 10578/2011 e 18030/2013.