IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Patteggiò 16 mesi per i maltrattamenti a Vada Sabatia, ammesso a corso della Regione per educatori

Savona. Lo scorso luglio ha patteggiato sedici mesi di reclusione, con la sospensione condizionale della pena, per la vicenda dei maltrattamenti sui pazienti disabili alla Rsa Vada Sabatia. Negli stessi giorni ha partecipato al test scritto per l’ammissione ad un corso, finanziato dalla Regione Liguria, per diventare “tecnico animatore socio-educativo” (TASE).

E’ un ritorno alla normalità che sembra stridere con la vicenda giudiziaria che lo ha coinvolto quello di uno degli operatori del Nucleo 3D della struttura di Vado Ligure, finito in manette nell’ambito dell’indagine delle Fiamme Gialle savonesi. Dopo essere stato al centro di un’inchiesta per maltrattamenti sui pazienti potrebbe quindi tornare a lavorare nello stesso ambito, per di più “forte” di una nuova qualifica che lo abilita ad operare nelle strutture sociali, sociosanitarie e sanitarie.

Una situazione che, sebbene il conto con la giustizia sia ormai chiuso, ha creato qualche perplessità nell’ambiente e qualche lamentela tra chi si è visto invece escluso da quella graduatoria. Come si legge nelle liste pubblicate da “Isforcoop”, l’agenzia di formazione alla quale la Regione ha affidato la gestione del corso, l’ex indagato ha superato il test scritto ed è tra gli 800 ammessi al percorso formativo. Se parteciperà al corso otterrà quindi la qualifica professionale di tecnico animatore socio-educativo.

Resta il fatto che il procedimento giudiziario ha fatto il suo corso e l’operatore, con il patteggiamento e la sospensione condizionale della pena, ha chiuso questa vicenda ed è libero di far ripartire la sua vita senza dover rispettare nessun paletto. Il giudice non gli ha inflitto nessuna interdizione e, di conseguenza, potrà tornare a lavorare anche nell’ambito sociosanitario. Una scelta, condivisibile o no, che è comunque lecita e, come tale, va rispettata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cinoc

    intanto potreste fare Informazione pubblicando il nome di questo personaggio, non è minorenne e la sentenza è in giudicato….spero non ci sia il segreto di stato.

  2. Scritto da NoNickNoName

    complimenti…………e persone ONESTE E PER BENE sono rimaste a casa. COMPLIMENTI VIVISSIMI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. pepper71
    Scritto da pepper71

    Purtroppo se qualcuno vuole giustizia in questo paese deve farsela da solo…
    N.B. non è un incitamento ma una riflessione.

  4. Scritto da fd_simba

    Mandiamo i pedofili a fare i Maestri d’Asilo, basta che abbiano chiuso le vicende giudiziarie, magari patteggiando, cioè: AMMETTENDO IL REATO!

  5. Scritto da rapalino

    Una vergogna ma in questi casi la legge non deve intervenire? D’altra parte in un paese dove l’ex presidente del consiglio è uno dei più indagati……………beh non c’è da stupirsi più di niente.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.