Festa di Ganesha ad Altare, il sindaco Davide Berruti: “Il nostro paese ospita un grandissimo patrimonio”

Altare. Si temevano contestazioni pro marò, ma la festa spirituale di Ganesha Chaturthi non è stata minimamente toccata da forme di dissenso. La giornata è trascorsa serenamente e l’ingente afflusso di fedeli non ha creato nessuna forma di disagio.

All’evento hanno presenziato il prefetto Gerardina Basilicata, il colonnello dei carabineri Alessandro Parisi e Rosalba Garello in rappresentanza della Questura. Presente, come ogni anno, il sindaco di Altare, Davide Berruti.

“Per Altare è un onore – afferma il sindaco -, ospitare sul nostro territorio un Ashram, quindi un centro induista così importante, uno dei più importanti d’Europa. Per quanto mi riguarda è un grandissimo piacere e un onore essere per l’ennesima volta presente alla festività principale, quella di Ganesha Chaturthi. Basta vedere le centinaia di persone venute da ogni parte d’Italia e anche dall’estero per festeggiare questa celebrazione per capire l’importanza per la comunità induista di questa occasione. Mi piace pensare che non sia solo l’Ashram di Altare e la comunità induista tutta a festeggiare, ma sia anche una festa per il nostro piccolo paese”.

Il Svami Gitananda Ashram è una sorta di tesoro nascosto, del quale ben pochi, in provincia di Savona, conoscono l’esistenza. “Credo sia giusto rispettare l’esigenza di essere in qualche modo lasciati in un rispettoso silenzio e solitudine – dice Berruti -; ma è iniziato un percorso importante di reciproca conoscenza che parte da Altare e sono sicuro che, nel giro di poco tempo, l’intera valle, la Liguria e la nazione intera potranno capire quale grandissimo patrimonio ospitiamo ad Altare”.

L’induismo, dallo scorso anno, è stato riconosciuto dallo Stato italiano. L’Ashram di Altare può essere anche visto quale veicolo turistico. “Nel rispetto che si deve ad una comunità religiosa, penso sia motivo di visibilità – conclude il primo cittadino altarese -. Devo fare i miei complimenti all’Unione Induista Italiana per il grande lavoro fatto, un lavoro che è stato premiato”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.