Ennesimo raid vandalico, devastati i bagni pubblici sul lungomare di Ceriale. Il sindaco: “Basta, li chiudiamo”

ennio fazio

Ceriale. Chiusi a causa dei troppi atti vandalici. Questo il destino dei bagni pubblici situati nella zona Pineta, sul lungomare Diaz, dietro l’ufficio IAT: il provvedimento è stato preso dal Comune di Ceriale, a causa delle continue scorribande che li hanno resi inagibili.

“Tale decisione – riferisce la giunta comunale – è stata dettata dalle pessime condizioni in cui sono stati ridotti i servizi igienici dopo l’ennesimo raid vandalico, rendendovi impossibile l’accesso a chiunque. Ci stiamo già attivando in accordo con l’ufficio tecnico, l’ufficio ambiente e il Comandante della polizia municipale Ivan Suardi per trovare soluzioni condivise che possano mettere fine una volta per tutte a questi gravi episodi di inciviltà”.

Sistemati di recente dopo la tinteggiatura e la sistemazione dei sanitari che si era resa necessaria a causa di precedenti episodi avvenuti prima del periodo pasquale, i bagni pubblici della zona Pineta sono stati nuovamente presi di mira da ignoti che hanno nuovamente imbrattato i muri, danneggiato i sanitari e le strutture presenti all’interno.

“A seguito di tali atti vandalici – riferisce il sindaco Ennio Fazio – abbiamo deciso per la chiusura dei bagni pubblici fino al completo ripristino dello stato dei locali. Si tratta di una decisione che creerà purtroppo disagi a tutta la cittadinanza e al turismo ma si è resa necessaria. Mi chiedo perché accanirsi in questo modo su beni e servizi igienici pubblici messi a disposizione del paese e faccio appello al senso civico e alla responsabilità dei cerialesi”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.