IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rissa alla Festa dell’Unità, la testimonianza dell’assessore Sorgini: “A dare l’allarme alcuni bambini” foto

Savona. “Sono arrivati dei bambini sconvolti che urlavano dicendo che c’erano dei signori che si picchiavano e c’era sangue”. Così l’assessore comunale Isabella Sorgini, tra le prime ad intervenire per interrompere la rissa scoppiata alla Sms La Rocca di Legino, racconta quello che è successo ieri sera durante la Festa Dell’Unità.

rissa festa democratica

“Dopo che i bambini hanno richiamato la nostra attenzione siamo corsi qui e quando io sono arrivata c’era uno chiuso dentro al bar, mentre gli altri fuori. Infatti uno di loro si è fatto male spaccando il vetro della porta del locale proprio perché dentro si era chiusa l’altra persona. I due fuori erano visibilmente alterati” ha aggiunto l’assessore Sorgini.

Sono stati attimi concitati in cui nessuno rusciva a capire cosa fosse realmente accaduto: “Si sono accoltellati” diceva qualcuno, “Si sono presi a bottigliate” sostenevano altri. L’unica certezza era la presenza di due uomini, feriti e visibilmente alterati, all’esterno del bar della Sms che urlavano ed inveivano contro il rivale. Tutto intorno vetri in frantumi, cocci di bottiglia, ma soprattutto sangue. Una scena terribile che ha spaventato molte delle persone che stavano partecipando alla Festa dell’Unità, tanto che a decine sono scappate in fretta e furia.

Una delle signore che si occupano dello stand con l’esposizione di ceramiche ha raccontato: “Io ho avuto paura. Non so se si sono accoltellati o presi a bottigliate comunque perdevano molto sangue. Noi eravamo dall’esposizione delle ceramiche e ci siamo chiusi e barricati là dentro. Quindi non abbiamo visto niente, ma abbiamo sentito i colpi. Abbiamo sentito spaccare la porta, ma senza vedere perché avevamo davvero troppa paura e siamo rimasti barricati”.

Mentre fuori regnava il caos, all’interno del bocciodromo della società, andava in scena un altro “duello”, che fortunatamente però si combatteva solo a parole: l’atteso faccia a faccia tra Federico Berruti e Raffaella Paita. L’incontro tra i due candidati del Pd alle primarie per le Regionali è continuato senza intoppi anche perché quasi nessuno nella platea si è accorto di quello che stava accadendo poco distante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.