Economia

Liguria, solo il 50% delle piccole imprese investe sull’innovazione

edilizia imprese artigiane

Liguria. Il mondo delle piccole imprese della nostra regione mette sul piatto 280 milioni di euro per l’innovazione e l’economia della Liguria. Ad aderire al piano di investimenti 1325 aziende. Tuttavia ad oggi sono state accolte 490 domande per oltre 150 milioni di euro: oltre il 50% delle imprese è rimasto al palo.

“In un periodo purtroppo ancora di crisi – commenta Daniela Locati, responsabile del credito Cna Liguria – bisogna rilanciare economia e occupazione, operando con una logica dal basso che crei un volano per il tessuto produttivo ligure. Parliamo di innovazione relativa: un sostegno agli investimenti per creare un nuovo prodotto o realizzare un nuovo processo produttivo, nel fare internamente quello che prima l’impresa esternalizzava, nell’organizzare meglio la propria attività di impresa e utilizzare l’innovazione commerciale”.

“La Liguria ha sempre rispettato gli impegni comunitari assunti con l’Unione Europea – aggiunge – centrando gli obiettivi di spesa che di anno in anno si sono fatti sempre più impegnativi”.

Angelo Matellini, nuovo segretario regionale della Cna, spiega invece che “nei programmi di finanziamento europei si sta affermando la volontà politica di finanziare il 97% delle imprese di piccola dimensione attraverso quote di riserva nei bandi e negli appalti stessi. Ora lavoreremo – è il suo impegno – per far sì che il nuovo programma comunitario porti la più alta percentuale di contributi direttamente a queste imprese”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.