Albenga, furto dell'incasso di una slot machine: romeno patteggia 8 mesi - IVG.it
Cronaca

Albenga, furto dell’incasso di una slot machine: romeno patteggia 8 mesi

tribunale Savona

Albenga. Otto mesi di reclusione e 300 euro di multa con la sospensione condizionale della pena. E’ la pena patteggiata questa mattina da Gheorghe Nicusor Ciurar, il venticinquenne romeno arrestato ieri sera con l’accusa di tentato furto aggravato in un bar del centro di Albenga. Il giovane questa mattina è stato processato per direttissima e, dopo il patteggiamento, è tornato in libertà ma con il divieto di dimora nella provincia di Savona.

Secondo l’accusa, nella serata di ieri, Ciurar, in compagnia di un complice che non è stato identificato, è entrato nel locale e, non curante della presenza degli altri clienti e del proprietario, approfittando della confusione del momento, ha forzato una slot machine rubando l’incasso, poco più di 30 euro.

Poco dopo il titolare si è accorto della macchinetta scassinata ed ha quindi dato l’allarme. Gli agenti della polizia municipale, sulla base della descrizione del sospettato, lo hanno cercato per poi trovarlo nel campo nomadi di Albenga. Una volta ottenuto il riscontro da parte del proprietario del bar, per il romeno sono scattate le manette. Per arrestarlo, in supporto dei vigili, sono intervenuti i carabinieri ingauni.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.