IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Finale, la Simonetti controreplica a Frascherelli: “Fate bassa politica, siete rancorosi”

Finale L. “L’astioso attacco personale che Ugo Frascherelli ha fatto alla mia persona è una pagina di bassa politica. E’ una pratica che il suo gruppo utilizza spesso”, così Simona Simonetti – candidato sindaco della lista “Per Finale” – risponde alle parole di ieri del candidato sindaco Ugo Frascherelli, in merito alla polemica riguardante l’agricoltura.

“Mi hanno accusato di attacchi sterili – prosegue – di credere di aver inventato l’agricoltura, e di essere una minestra riscaldata. Hanno attaccato sui giornali anche i loro stessi candidati dichiarando di aver ‘digerito la candidatura della dottoressa Venerucci’ e di non accettare la candidatura di Clara Brichetto. In altre parole si sono attaccati personalmente anche al loro interno, fra candidati della stessa lista. Impagabili”.

E ancora: “Ugo Frascherelli proietta il modo di agire politico del suo gruppo su ‘PerFinale’ attribuendo a noi uno stile di polemiche personali che non ci appartiene”.

“Questa politica del rancore non ci piace – sottolinea la Simonetti – e non fa parte del nostro modo di agire. ‘PerFinale’ si presenta e si confronta sempre con le idee. Per questo nella campagna elettorale siamo partiti dal programma presentato ai partiti ed alle forze politiche l’11 Febbraio. A differenza degli altri gruppi che prima hanno fatto le trattative sulla lista, o in altre parole sui posti, e poi hanno redatto un programma”.

“Nel merito della questione agricoltura che era il vero argomento del mio intervento desidero ribadire che l’agricoltura di qualità e le produzioni ‘integrate’ sono esempi di sostenibilità della vita. Quello che è stato negli ultimi 50 anni il ‘mondo dei vinti’ dei lavoratori della terra, sarà crediamo il nostro futuro, a condizione che le comunità locali ne capiscano l’importanza. Per questo da anni siamo impegnati con atti concreti come valorizzare i prodotti locali alla nostra eco-sagra”, riflette.

“In agricoltura si ricicla – continua – si riusa, si risparmia, si rispetta l’ambiente, si mantiene in sicurezza il territorio, si crea occupazione e si fa economia: l’agricoltura è già all’avanguardia. Per questo occuparsi di rifiuti e recupero dei materiali non è in contraddizione con l’ agricoltura, al contrario nella vita contadina i rifiuti non esistevano perchè i materiali venivano sempre recuperati. E’ la moderna società dell’ usa e getta che ha creato prodotti con costi di acquisto sempre più bassi ma con costi occulti che poi ricadono sulla collettività. Costi che vanno dallo smaltimento in discarica al degrado ambientale”.

“Occuparsi di rifiuti e di recupero dei materiali è quindi il primo passo per mettere in pratica la saggezza dei contadini. Vogliamo recuperare il ruolo dei contadini , portarlo al di fuori del “mercato” come centro dell’operare umano”, conclude Simona Simonetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    Tra tutti mi fanno pena, non c’è uno solo che parli di politica in concreto, la Simonetti è una vecchia volpe della politica piantata sul carghino comunale da anni, sempre all’opposizione (ora se non hai mai la fiducia della maggioranza dei cittadini e ci provi da anni fatti delle domande e datti delle risposte!!!) che attira nel tranello della politica degli improvvisati politicanti che quando devono parlare non lo fanno e ora che dovrebbero tacere cascano nel tranello della Simonetti.
    Anche a sto giro vincerà il SINDACO Ferrari, pur avendo fatto solo disastri con il suo amico per 10 anni, in quanto ha i Grillini rintanati nel loro eremo, il PCL che atavicamente prenderà i soliti 5 voti, gli unici che potrebbero dargli fastidio sono impegnati a battibeccare tra loro evitando invece di mettere sotto la lente d’ingrandimento la pessima amministrazione da cui Ferrari proviene.
    UN plauso a Frascherelli per come impegna le risorse contro la Simonetti e un plauso a quest’ultima che sta facendo di tutto per far vincere Ferrari solo per punire il PD per averla snobbata, e questi sarebbero coloro che dovrebbero amministrare il bene pubblico???
    Che SCHIFO!