IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Finale, il Pcl risponde alla Simonetti sul turismo: “Ambientalista che parla come Confidustria”

Finale L. “Dispiace leggere fra gli ambientalisti un linguaggio alla Marcegaglia, modello Confindustria, apertamente schierato, senza riserve, con gli interessi degli imprenditori, allineandosi di fatto con Ferrari e Frascarelli”. La sezione finalese del Partito Comunista dei Lavoratori risponde alle parole di pochi giorni fa, pronunciate da Simona Simonetti, candidato sindaco della lista “Per Finale”, che aveva sottolineato come fossero stati “persi dieci anni” riguardo il turismo e come ci sia da operare un forte rilancio attraverso una Consulta e Promofinale.

“Sebbene il periodo di crisi colpisca tutti, colpisce ancora di più quei lavoratori spesso stagionali, spesso invisibili, che già da un decennio accettano sotto il ricatto del bisogno qualsiasi mansione, privandosi spesso di diritti sacrosanti, pur di portare a casa un piccolo stipendio. Noi sentiamo il bisogno principalmente di tutelare il lavoro di chi, dalla cameriere all’assistente bagnanti, fa parte di una categoria molto esposta a condizioni contrattuali difficili con diritti continuamente erosi , a cui si aggiunge una flessibilità spaventosa, anche attraverso le cooperative”, proseguono.

“Sebbene il contratto nazionale degli Albergatori abbia ‘tenuto’ dignitosamente – sottolineano dal Pcl finalese – anche se continuano esternalizzazioni o assunzioni con voucher per esempio, la Cgil, grazie all’attacco reazionario di 2 sigle datoriali (Angem e Fipe), ha indetto nel settore uno sciopero nazionale il 16 maggio. Vero è che rappresentano una piccola fetta del mondo imprenditoriale fra bar ed esercizi turistico-commerciali, ma vero è che chiedono l’abolizione della 14 esima e della retribuzione della malattia, oltre a chiedere lo stop ad aumenti salariali”.

“Noi dunque iniziamo la battaglia del turismo rivolgendoci a chi sta in sala macchine – attaccano – non ci pieghiamo a logiche elettoralistiche e sebbene pronti ad ogni sforzo per aiutare l’immagine di Finale Ligure e la sua bontà ricettivo-turistica in modo organico e intercategoriale, vogliamo come punto di partenza rappresentare le istanze dei lavoratori, lo loro urgenze, i loro diritti, dando voce a chi non è considerato. Questo ci distingue dalla Simonetti”.

“Non è solo una questione di punti di vista e di collocazione politica. Si ritiene che aiutando gli imprenditori nel superare l’attuale crisi si aiutino indirettamente anche i lavoratori, ma questo non è vero se non si può verificare in che modo questi imprenditori fanno impresa. Si posso aiutare ad esempio gli imprenditori che richiedono ai lavoratori prestazioni in nero? Si possono aiutare imprenditori che non pagano quando previsto dai contratti nazionali? Si possono aiutare gli imprenditori che ricercano nelle leggi le scappatoie e varchi che consentono loro di privilegiare il precariato? Si possono aiutare imprenditori che non rispettano l’ambiente? Riteniamo che l’intervento pubblico debba essere legato al comportamento ad esempio che gli stessi imprenditori hanno tenuto nei tempi in cui l’economia ‘tirava’, ciò che hanno fatto per il territorio attraverso tasse ,imposte pagate, qualità offerta. Senza questo collegamento le risorse, che risultano limitate, sarebbero erogate a pioggia in modo iniquo”.

“E rivolgiamo pertanto le parole di stima ‘tutti i giorni in trincea’ (rivolte agli imprenditori del settore dalla Simonetti stessa) a quelle centinaia di ragazzi ed extracomunitari che lavorano in condizioni ultra precarie e spesso instabili, con fragili coperture contrattuali. Rilanciamo il confronto ponendo un paio di domande riguardo il programma di ‘Per Finale’. Quale significato ha ‘Consulta del Turismo’ per la lista ‘Per Finale’? Noi per Consulta o consultivo intendiamo uno sportello che faciliti l’incontro fra la domanda e l’offerta di lavoro, l’incontro fra imprese locali e lavoratori, precari, disoccupati. Cosa intende un ambientalista per ‘rilancio dell’edilizia destinata alla ricettività turistica’, altro cemento?”, concludono dal Pcl finalese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.