Elezioni Albissola, la Pedrazzini risponde alle accuse di Nasuti: "La verità è che ha paura di confrontarsi" - IVG.it
Politica

Elezioni Albissola, la Pedrazzini risponde alle accuse di Nasuti: “La verità è che ha paura di confrontarsi”

comune albissola

Albissola. “Sia io sia il terzo candidato sindaco Ferrari abbiamo dato la massima disponibilità alla Società Operaia Cattolica Santa Cecilia nella scelta della data per l’organizzazione del confronto a tre in vista delle elezioni comunali di domenica prossima”, inizia così la nota diffusa dal candidato sindaco di “Viviamo insieme Albissola” Viviana Pedrazzini, in merito alla questione dell’esclusione di Gianluca Nasuti dal dibattito elettorale che si terrà questa sera.

“Inizialmente – prosegue la Pedrazzini – le date proposte erano state giovedì 15 e venerdì 16 ma Nasuti aveva dichiarato la propria indisponibilità: il 15 per impegni teatrali ed il 16 in quanto avrebbe dovuto partecipare all’evento organizzato dal Partito Democratico in Sala Rossa al Comune di Savona (evento al quale non ha poi partecipato)”.

“Ritengo che il ‘faccia a faccia’ a tre sia un momento di confronto importante per dare modo ai cittadini albissolesi di chiarirsi meglio le idee in vista del voto del 25 maggio. Nella mia agenda questo incontro è diventato quello più importante, possibile che Nasuti non possa fare altrettanto e non riesca a trovare una sera per il paese di cui vuole diventare sindaco?”, sottolinea la Pedrazzini.

“Oggi Nasuti propone la giornata di giovedì, ma pensa sia giusto che un cittadino che ha assistito al confronto abbia solo un giorno (venerdì) per eventuali approfondimenti visto che sabato sarà giornata di silenzio elettorale?”, si chiede il candidato sindaco.

“Ho l’impressione che Nasuti abbia paura di confrontarsi e gridi al complotto per dare ad altri la colpa di un mancato confronto quando invece la responsabilità sarà solo ed esclusivamente la sua”, conclude Viviana Pedrazzini.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.