Cronaca

Oltre duecento persone alla fiaccolata per Marisa Comessatti

Laigueglia. Erano oltre duecento le persone che hanno preso parte alla fiaccolata organizzata a Laigueglia per non dimenticare Marisa Comessatti, la 61enne scomparsa venerdì 21 febbraio dopo l’ultimo avvistamento a San Bartolomeo. Il corteo, con in testa le due figlia di Marisa, è partito dalla stazione ferroviaria e ha attraversato tutto il cuore di Laigueglia da levante a ponente e ritorno. Con una candela in mano c’erano i parenti, gli amici, i vicini di casa e alcuni membri dell’associazione Penelope formata dai famigliari dei tanti altri scomparsi in Liguria in questi anni.

In mezzo al corteo anche il Sindaco Franco Maglione: “Laigueglia è un piccolo paese, ci conosciamo tutti, per questo ho ritenuto di partecipare per portare il sostegno di tutti i Laiguegliesi alla famiglia di Marisa”.

“Non vogliamo che questa dolorosa vicenda finisca nell’oblio” hanno detto gli organizzatori della fiaccolata che vogliano far rimanere alta l’attenzione sul caso della 61enne di Laigueglia. E proprio sul fronte delle ricerche a tappeto su tutta la costa savonese e imperiese, nell’entroterra e in Costa Azzurra, ancora nessun esito, nonostante il grande numero di volontari che ha contribuito alle operazioni.

Il caso è stato portato anche in televisione, nella trasmissione di Raitre “Chi l’ha visto?”, dalle due figlie Lara e Nada, nella speranza di raccogliere segnalazione e nuove informazioni per il ritrovamento della propria madre, ma purtroppo finora tutto è stato vano.

Marisa è alta 1,50, bionda, con occhi verdi e occhiali da vista. Quando è scomparsa indossava presumibilmente (visto che questi indumenti mancano dalla sua abitazione) una giacca rossa, cardigan beige, scarpe da ginnastica, zainetto bordeaux “Kipling”, occhiali da vista con montatura bianca. Segni particolari, due cicatrici, una sul collo e una sull’avambraccio destro. Nel caso si avessero notizie contattare i carabinieri o il numero 3392462901.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.