“Che bello accogliere i croceristi”, il racconto di una giornata di festa a Finalborgo: e all’Aycardi torna la musica

crocieristi finalborgo

Finale Ligure. E’ stata una grande giornata di festa quella che è andata in scena domenica a Finalborgo. “L’arrivo dei 250 croceristi ha animato un rione già vivo di suo e sempre più tappa obbligatoria per turisti di ogni età – sostiene Simone Parodi, nuovo presidente di finalborgo.it, l’associazione che insieme alla “Rete del Chinotto” ha organizzato l’evento – Veramente una bella giornata, e che bello aver accolto i croceristi con i bambini impegnati nel torneo di pallavolo nelle piazze”.

Grande entusiasmo nei meravigliosi chiostri di Santa Caterina dove sono state presentate le peculiarità e le eccellenze locali e nel teatro Aycardi, ormai quasi completamente restaurato ed aperto per l’occasione. Un vero tuffo nel passato per molti residenti che hanno partecipato al pranzo dell’associazione “I Nostri Vegi du Burgu” e che hanno piacevolmente ricordato la loro infanzia, le feste di Carnevale e le serate musicali, abituali prima della chiusura dello stabile avvenuta nel 1965.

“E’ stato un po’ come tornare a casa – commenta Alessandro Cara, presidente della Società Filarmonica di Finalborgo ed organizzatore del concerto del pomeriggio – che gioia riportare la musica nell’Aycardi che ha risposto con la consueta magia ed un’acustica sorprendente”.

Visitato da centinaia di persone grazie al contributo del Fai, Fondo Ambiente Italiano, è stata proprio questa piccola meraviglia al centro della giornata e nelle bocche degli abitanti negli aperitivi della sera. Un teatro ottocentesco proiettato nel futuro che tutti a Finalborgo, terminati i lavori di ristrutturazione, vorrebbero aperto e funzionante, simbolo di un paese intenso che sa coniugare sport e cultura.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.