IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Polemica Finalpia, la Simonetti risponde a Guzzi: “Il problema è lo spreco dei soldi pubblici”

Finale L. Il candidato Sindaco del gruppo “Per Finale” Simona Simonetti risponde alle parole di Andrea Guzzi riguardo la situazione di Finalpia, portavoce del movimento civico “Finale Ligure Viva”, che ieri aveva dichiarato: “Il rione di Pia da troppo tempo versa in uno stato di decadenza ed incuria, un quartiere che si sente da tempo abbandonato dall’amministrazione”. Non tarda ad arrivare la reazione della Simonetti: “Ad un mese dalla scadenza elettorale Andrea Guzzi dichiara che Finalpia è stata trascurata. In realtà l’ unica preoccupazione che emerge dall’articolo sembra il fermo del cantiere per la costruzione dei box e della rotonda nella zona dei punta est”.

“Sulla rotonda di Pia – sottolinea il candidato Sindaco – il problema va ben oltre un ritardo nelle realizzazione in realtà dovuto ad un imprevisto ritrovamento. La cautela nel verificare che le opere edili non distruggano importanti reperti non è la “solita burocrazia italiana” ma una dovuta tutela della nostra storia. A Finalpia la giunta Richeri promette la realizzazione di quella rotonda dal suo insediamento nel lontano 2004. Il problema della viabilità di PIA infatti era stata valutato dagli uffici comunali nel 2004: erano state realizzate varie ipotesi (impianto semaforico o rotonde di varie dimensioni) ed era stata prevista una spesa di circa 320.000 euro. Dopo tanti anni di attesa nel 2009 lo studio della viabilità viene nuovamente commissionato ad uno studio privato spendendo 16.000 euro della collettività. Con tale studio il costo di realizzazione della rotonda lievita fino a 530.000 euro”.

La Simonetti prosegue passando all’attacco: “E’ evidente che a Finale Ligure non mancano i soldi bensì manca il buon senso degli amministratori. Sulla rotonda di Pia il vero problema non è il ritardo ma la lievitazione dei costi pubblici. Sarebbe necessario che l’amministrazione attuale spiegasse perché è stato commissionato un progetto già stato realizzato dagli uffici comunali, sprecando 16.000 euro e soprattutto perché il nuovo progetto prevede un costo di realizzazione molto più elevato. Finale Ligure Viva si interessa solo dei ritardi realizzativi probabilmente perché quando è stato approvato il nuovo progetto un loro esponente faceva convintamente parte della maggioranza Richeri, ed anche quando in seguito si è dissociato ha spesso votato in accordo con tale maggioranza”.

“Infine vorrei rassicurare Andrea Guzzi che addirittura definisce FinalPia ‘Il rione che io difendo’. Tranquillo: il rione di Pia è stato difeso anche in passato. Pia è stata difesa in primis dai residenti che hanno dato vita al Civ di Pia e dai commercianti che hanno lanciato l’allarme sul declino del commercio nel rione. Inoltre Pia è stata difesa dal movimento civico ‘PerFinale’ che si è occupato della salvaguardia dell’antico uliveto ‘De Raymondi’, e ancora dall’opposizione in consiglio comunale che ha ripetutamente chiesto garanzie sul rifacimento di piazza dell’abbazia. Prima di erigersi a paladino di un luogo occorrerebbe la modestia di riconoscere l’impegno altrui”, conclude il candidato Sindaco di “Per Finale” Simona Simonetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.