Cronaca

Pietra, altro caso di dipendente “infedele”: impiegata inventava ore di straordinario

Polizia municipale Pietra Ligure

Pietra L. Non solo l’operazione “Trash”, che ha portato agli arresti domiciliari due funzionari di Ata Spa, Mario Cena e Roberto Balbis, e di tre dipendenti del Comune di Pietra Ligure, Fabio Basso, Vincenzo Trevisano e il geologo Andrea Nencioni, ma anche una denuncia all’Autorità Giudiziaria di un altro dipendente “infedele” del Comune di Pietra Ligure.

Questa mattina, nel corso della conferenza stampa, il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi ha voluto chiarire ogni l’attività svolta a tutela dell’ente comunale, annunciando la segnalazione arrivata dal comandante della polizia municipale di un dipendente che sembrerebbe aver falsificato la firma del proprio responsabile d’ufficio, ovvero proprio il comandante dei vigili urbani o il vice, per poter usufruire di recuperi di straordinari mai richiesti ed effettuati.

La dipendente lavora come amministrativa nella sede distaccata dei vigili urbani. Sul nuovo caso, oltre alla denuncia penale, sono in corso valutazione anche sotto il profilo disciplinare. “Anche per questo recente episodio stiamo dimostrando che il Comune opera nella massima trasparenza, segnalando ogni eventuale irregolarità nell’ambito delle sue prerogative” ha affermato il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.