IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, tutti a scuola a piedi con il progetto “Pedibus” foto

Loano. Raggiungere la scuola a piedi, seguendo un percorso prestabilito con tanto di fermate: ecco la sfida che l’assessorato alla Polizia municipale e alla Sicurezza del cittadino con il Comando della polizia municipale, in collaborazione con l’associazione “La città possibile” di Torino sta lanciando, organizzando incontri con le associazioni, i genitori e i nonni.

Il progetto “Pedibus – andiamo a scuola a piedi”, che sarà presentato alle famiglie lunedì 10 marzo, alle ore 17,30 nel plesso scolastico Valerga, si propone di costruire percorsi di accompagnamento dei bambini a scuola, a piedi. Il progetto mira a coinvolgere volontari delle associazioni presenti sul territorio, genitori e nonni, per attivare nel 2015 un servizio di accompagnamento dei bambini a scuola, seguendo un percorso definito da uno o più punti della città fino alla scuola.

“Il progetto Pedibus si propone – spiega l’assessore Luca Lettieri – di incentivare la mobilità pedonale soprattutto quella dei bambini, facendo acquisire loro maggior consapevolezza del proprio territorio. Andare a scuola a piedi consente di riappropriarsi degli spazi urbani, che oggi sono occupati per la maggior parte dai veicoli a motore. Camminare a piedi contribuisce a diminuire l’inquinamento acustico, atmosferico e del traffico in genere, e ci aiuta a migliorare la vivibilità della città, ridisegnando attivamente gli spazi pubblici. Inoltre, nel tragitto fino a scuola i bambini hanno l’opportunità di socializzare con i coetanei e di fare attività fisica. Per quest’anno, ci apprestiamo a sperimentare una settimana di Pedibus per i bambini delle classi terze, quarte e quinte del plesso Valerga, nel periodo dal 7 all’11 aprile 2014″.

“Siamo convinti che progetto possa attivare un percorso di educazione ai comportamenti responsabili, coinvolgendo bambini e adulti sui temi della salvaguardia dell’ambiente, dell’educazione stradale, della conoscenza del territorio – prosegue -. Naturalmente il progetto potrà essere avviato solo se ci sarà la partecipazione attiva dei tanti volontari delle associazioni loanesi, dei genitori e dei nonni. Il reclutamento dei volontari è già partito e lanciamo un appello a tutti coloro che hanno a cuore l’ambiente e la qualità della vita nella nostra città a farsi avanti e a dare la propria disponibilità presso il Comando di polizia municipale”.

Il progetto Pedibus si inserisce nell’ambito del programma di educazione stradale “Vigili & Urbani”, promosso dall’assessorato alla Polizia municipale e alla Sicurezza del cittadino in collaborazione con le scuole loanesi.  Giunto alla diciannovesima edizione, anche quest’anno coinvolgerà gli alunni di tutte le scuole pubbliche e private: dalla scuola dell’infanzia alle scuole elementari, dalla scuola secondaria inferiore all’Istituto Superiore G. Falcone.

Gli obiettivi generali del progetto sono quelli di creare conoscenza del sistema delle leggi e del codice della strada e di sviluppare consapevolezza nei confronti del tema del rispetto delle norme, promuovendo il senso di responsabilità nei confronti di sé e degli altri. Per ogni ordine di scuola è stato studiato un modulo che tiene conto dell’età. I corsi prevedono nuovamente il coinvolgimento del Consorzio nazionale guida difensiva di Savona costituito da formatori e tecnici scelti prevalentemente nel settore delle autoscuole e dell’Associazione “La città possibile” di Torino, che si occupa di informazione, formazione e comunicazione locale in materia di mobilità urbana sicura e sostenibile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.