IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Come per il rock a Finale una Hall of Fame per gli Inquieti. E premio per l’Isola di Lampedusa

Finale L. Sarà inaugurata una Hall of Fame dedicata al premio “Inquieto dell’Anno” e a tutti i premiati, sia quelli legati alle edizioni finalesi sia a quelli precedenti. E’ la grande novità annunciata dall’assessore al turismo e alla cultura di Finale Ligure Nicola Viassolo durante la presentazione dell’edizione 2014 della Festa dell’Inquietudine, un evento sul quale la cittadina finalese punterà anche nei prossimi anni.

festa inquietudine

La hall of fame sarà realizzata all’interno dei Chiostri di Santa Caterina, all’ultimo piano dell’oratorio, in uno degli spazi vicini alla Sala delle Capriate.

Al pianista iraniano Ramin Bahrami il premio Inquieto dell’Anno: “Certamente rispetto ai personaggi di fama degli anni scorsi l’inquieto di quest’anno può sembrare meno noto ma in realtà alza e di parecchio il livello culturale della manifestazione, in un momento in cui proprio il tema di quest’anno, la “Fuga” è quanto mai pertinente rispetto all’attualità internazionale e alla vita di Ramin Bahrami” afferma lo stesso Viassolo.

“L’edizione di quest’anno vedrà anche la partecipazione degli studenti dell’Issel, con l’obiettivo di coniugare gli aspetti culturali dell’evento con il mondo della scuola” conclude Viassolo.

“Personaggio di spessore e che si lega bene al tema della “fuga”, alla ricerca in maniera inquieta della felicità e della sua realizzazione – dice il sindaco Flaminio Richeri, alla sua ultima edizione da primo cittadino – La Festa è ormai un patrimonio della città di Finale e quindi come finalese spero di vivere altre edizioni. La manifestazione ha valori culturali, artistiche e turistiche travalcano i confini della nostra cittadina, un evento di richiamo che rimarrà e darà ancora lustro a Finale”.

Quanto alle accuse rivolte al Comune di spendere troppo, circa 50 mila euro, per la Festa il sindaco risponde: “Certo si potrebbe fare altro, magari 10 concerti, non so…Tuttavia mi pare che l’evento abbia collocato Finale in un certo ambiente culturale trasmettendo un immagine ed un appeal turistico che alla lunga paga e chi non vede questo è davvero miope” conclude Richeri.

“Un grande pianista, uno dei massimi interpreti di Bach, una figura di “profugo” dall’Iran che incarna al meglio il tema della Festa, con tanti che oggi devono fuggire dal loro Paese per ragioni politiche. Un’altra attestazione verrà conferita anche all’Isola di Lampedusa, l’isola che rappresenta le due facce del concetto di “fuga”: la ritirata dalla propria terra martoriata da una parte e l’accoglienza testimoniata dagli abitanti di Lampedusa” dice Elio Ferraris, ex presidente e membro del Circolo degli Inquieti.

“Cultura e turismo assieme in una manifestazione di eccellenza, manifestazione di richiamo e che rendono appetibile il nostro territorio, presentando iniziative di livello che ogni anno propongono temi e contenuti nuovi, rinnovandosi all’insegna della qualità” ha evidenziato il presidente della Camera di Commercio Luciano Pasquale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. carpenter
    Scritto da carpenter

    ma fare qualcosa con un nome in italiano ?????

  2. Scritto da Caimano

    Onore alla vita di Ramin Bahrami… e onore anche alle tasche dei poveri cittadini finalesi che dovranno tirare fuori dalle loro tasche 50.000 euro per premiarlo.
    Certo un amministrazione che in tempi di magra si permette di spendere 400.000 euro per rifare il campo di calcio in sintetico per la locale squadra di calcio, che poi fa pagare ogni singolo bambino per giocarci sopra qualcosa come 400 euro all’anno… queste sono bazzeccole!!!!