Arrestati dopo una tentata rapina a Finale, albanesi sospettati anche di una decina di furti - IVG.it
Cronaca

Arrestati dopo una tentata rapina a Finale, albanesi sospettati anche di una decina di furti

Savona Tribunale

Savona. Giovedì notte sono stati arrestati con l’accusa di tentata rapina dopo che avevano compiuto un assalto in una casa di Finale Ligure. Sabato per due albanesi, H.D., 25 anni, e S.A., di 30, era stato fissato l’interrogatorio di convalida davanti al gip Donatella Aschero davanti al quale si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. I guai per la coppia di albanesi però non finiscono qui visto che è sospettata di essere responsabile anche di una decina di furti in appartamento.

La loro cattura è stata tutt’altro che semplice: l’inseguimento è iniziato a Finale (dove i due albanesi avevano minacciato con un cacciavite una mamma con il bimbo di 4 anni in braccio che, rincasando, li aveva sorpresi a rubare) e si è concluso a Savona, in via delle Trincee.

Dopo l’arresto i militari del nucleo investigativo avevano svolto una serie di perquisizioni in città che avevano portato al ritrovamento della refurtiva: anelli, bracciali, catenine d’oro, capi di vestiario, piumini, giubbotti, persino profumi. Parte del bottino è stata sequestrata in un appartamento dove i due albanesi alloggiavano, ospiti di un connazionale. Una seconda parte invece era in altri alloggi e i carabinieri stanno valutando le posizioni di alcune persone che rischiano una denuncia per ricettazione.

I furti che gli investigatori contestano ai due albanesi si sono registrati a Savona, Celle Ligure, nella Riviera di Ponente e in Valbormida, sempre di sera, anche con i proprietari degli appartamenti in casa. H.D. e S.A si spostavano poi su una Fiat Grande Punto rubata che è stata recuperata dai militari e restituita alla proprietaria.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.