No alla chiusura degli uffici postali, odg in Consiglio regionale: "Penalizzato soprattutto l'entroterra" - IVG.it

No alla chiusura degli uffici postali, odg in Consiglio regionale: “Penalizzato soprattutto l’entroterra”

poste, ufficio postale

Liguria. E’ stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, primo firmatario Antonino Oliveri (Pd) e sottoscritto da consiglieri di maggioranza e minoranza, che impegna la giunta a “chiedere a Poste italiane di sospendere ogni decisione in merito all’annunciato piano di ridimensionamento degli uffici postali e di aprire un tavolo di confronto con tutti i soggetti interessati per individuare le soluzioni più idonee a garantire la continuità di un servizio essenziale come quello postale, tenendo conto delle esigenze degli utenti delle zone dell’entroterra e della necessità di garantire una densità appropriata dei punti di accesso in queste zone al fine di soddisfare gli obblighi del servizio universale”.

Nel documento si ricorda che, secondo informazioni giornalistiche, sarebbe in programma la soppressione di 40 uffici nei piccoli comuni dell’entroterra e si rivendica un confronto preliminare con Regione, Anci e i Comuni interessati.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.