IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trasporto dei prodotti alimentari, Cna chiede deroga per i giorni di divieto di circolazione

Più informazioni su

Liguria. Il Decreto Ministeriale n. 443 del 11.12.2013 (ripetuto di anno in anno) del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, “Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l’anno 2014”, non consente infatti l’immediata deroga per il trasporto di vari prodotti alimentari che non siano freschi.

“Ma sappiamo bene – dice la Cna ligure – che durante il periodo estivo nella nostra regione si registra un forte incremento di residenti nelle località turistiche delle due riviere, in particolare nei fine settimana. Questo determina la necessità di rifornire con prodotti alimentari diversi da quelli deperibili sia i negozi sia i supermercati alimentari (che tra l’altro hanno spazi limitati per contenere sufficienti scorte di magazzino), da parte delle due piattaforme logistiche alimentari della Coop di Arenzano e della Sogegros di Bolzaneto”.

Già lo scorso anno Cna Liguria aveva richiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – anche tramite l’interessamento dell’Assessore regionale al Turismo Angelo Berlangeri – di recepire la possibilità di apportare modifiche all’annuale “Calendario dei divieti di circolazione ai camion”, considerando questa particolare situazione. “Ne sono scaturite ripetute richieste autorizzative alla Prefettura di Genova, la quale però a differenza di Prefetture in altre Regioni pone problemi ostativi e spesso nega il rilascio delle deroghe al trasporto e questo per considerazioni spesso opinabili, creando così nella filiera distributiva alimentare non pochi problemi, anche di carattere economico”.

“Sembra facile pensare che per i rifornimenti alimentari non deperibili si potrebbe ricorrere all’utilizzo di veicoli inferiori alle 7,5 tonnellate, ma questo comporterebbe per le imprese dell’autotrasporto il farsi carico di nuovi investimenti finanziari occorrenti per ridimensionare – per quelle poche settimane – il loro parco veicoli. In questo momento, contrassegnato dalla drammatica crisi di recessione economica e di stretta creditizia da parte delle banche, è una soluzione realmente impossibile. Ma anche ammettendo che fosse possibile e che le imprese dell’autotrasporto sostituiscano i veicoli, ci si dovrebbe però ragionevolmente domandare: se il calendario dei divieti alla circolazione dei camion è stato concepito per avere meno veicoli sulle strade, perché (rimanendo sul tema alimentare) si permette la “moltiplicazione dei pani e dei pesci”? Per trasportare infatti il carico di un veicolo da 440 quintali con mezzi inferiori alle 7,5 tonnellate occorrerebbero ben 9 veicoli!” aggiunge la Cna.

Cna Liguria ha risollevato nuovamente il problema con una lettera inviata ai Ministri dell’Interno Angelino Alfano e delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, (presso cui è intervenuto anche il senatore Maurizio Rossi), oltre che a tutti i parlamentari ed i Prefetti della Liguria. Se la situazione non troverà l’esito sperato, applicando semplicemente quel buon senso che viene utilizzato in altre regioni, Cna Liguria non esiterà nel mettere in campo le azioni più opportune non escludendo quelle plateali e di risonanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.