Raddoppio ferroviario, Paita: "Definito il primo lotto Andora-Finale, atteso lo sblocco a San Lorenzo" - IVG.it
Cronaca

Raddoppio ferroviario, Paita: “Definito il primo lotto Andora-Finale, atteso lo sblocco a San Lorenzo”

Visita Lupi Andora

Liguria. “Verrà ripristinata entro il 10 marzo la linea ferroviaria interrotta a causa del deragliamento dell’Intercity per la frana caduta tra Finale e Andora”. Lo ha detto quest’oggi l’assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria, Raffaella Paita, reduce da un incontro con i vertici di Rete Ferroviaria Italiana e Italferr per mettere a punto il primo lotto costruttivo sul completamento del raddoppio della linea ferroviaria tra Andora e Finale.

Una riunione di lavoro che ha coinvolto tutti i tecnici degli uffici regionali, dopo l’approvazione del progetto definitivo sul tracciato su cui pesa però la mancanza dei finanziamenti. “Per questo abbiamo deciso quest’oggi – ha spiegato Paita – di procedere come ha indicato il Ministro Lupi, per lotti costruttivi e indicare così di volta in volta le opere da portare a termine e i relativi finanziamenti, tenendo conto che la cifra complessiva necessaria per completare questo tratto di raddoppio ammonta a 1,500 milioni di euro e che lo stesso Ministro Lupi ha dato la sua disponibilità a finanziare un primo lotto dell’importo di circa 250 milioni di euro”.

“Nel primo lotto costruttivo individuato – spiega Paita – potrebbero essere inserite tutte le opere propedeutiche: come le strade di accesso ai cantieri, da utilizzare anche al servizio dei Comuni interessati e ai siti di smaltimento, dove far affluire il materiale di scavo, la realizzazione del ponte sul torrente Neva e la gestione di tutte le interferenze, tra cui quelle con le autostrade. Un approccio che è simile a quello seguito per il Terzo Valico e potrà consentire di risolvere sul nascere anche i problemi con la popolazione”.

I finanziamenti necessari per la realizzazione di questo primo lotto ammonterebbero a circa 250/300 milioni di euro, di cui si attende conferma dal Ministero delle Infrastrutture, per poi procedere con lo studio delle modalità di realizzazione. A questo proposito l’assessore Paita ha già inviato una lettera al Ministro Lupi confermando la volontà di procedere per lotti e chiedendo, contestualmente, l’apertura della conferenza dei servizi per l’approvazione del progetto e la variazione al Cipe delle modalità di finanziamento.

Altro punto all’ordine del giorno ha riguardato la conclusione dei lavori per il raddoppio ferroviario sulla tratta San Lorenzo al Mare – Andora, su cui pende il contenzioso tra Rfi e l’impresa spagnola Ferrovial. “A questo proposito – ha detto l’assessore Paita – venerdì prossimo il tribunale di Imperia dovrebbe pronunciarsi sull’utilizzabilità delle aree, oggetto di perizia tecnica, per poter così sbloccare il cantiere che non si è mai completamente fermato, ma ha subito pesanti rallentamenti e andare avanti”. E proprio su questo lotto è prevista, entro la prima metà di marzo, una visita al cantiere da parte dell’assessorato alle infrastrutture della Regione Liguria.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.