Cronaca

Omicidio Stella, Macciò ucciso volontariamente: troppe contraddizioni nella versione dei due amici

Omicidio Stella Corona

Stella. Omicidio volontario: questo il capo d’imputazione contestato a Alessio Scardino e Claudio Tognini, i due genovesi accusati di aver ucciso e tentato di nascondere il cadavere del loro amico Andrea Macciò, dopo avergli sparato a seguito di quello che fino ad ora era stato definito un tragico scherzo.

Ad aver premuto il grilletto è stato Tognini, mentre Scardino è proprietario del fucile e della villetta di Stella San Giovanni dove il 14 dicembre scorso si è consumata la tragedia. Finora ai due era stato contestato l’omicidio colposo e l’occulamento di cadavere, ma nuovi particolari sono usciti dall’interrogatorio di sabato in cui i due si sarebbero contraddetti con le versioni precedentemente fornite agli inquirenti.

I dubbi riguardano sia il “pre” che il “post”: innanzitutto a non convincere gli inquirenti è la traiettoria dello sparo (dall’alto verso il basso) che potrebbe anche far pensare a una sorta di esecuzione e non a un colpo partito a distanza e per gioco nella convinzione che l’arma non fosse carica; poi il fatto che, dopo la tragedia, i due si fossero recati in un bar a chiedere un disinfettante e poi in un altro locale a chiedere sacchi della spazzatura con cui avvolgere il corpo (questa seconda circostanza non era mai stata dichiarata dagli indagati); infine pare che Scardino e Tognini abbiano sempre agito in coppia e con una certa sintonia (e non confusamente e in preda al panico) con l’obiettivo di far sparire il cadavere e le tracce di ciò che era avvenuto nella villetta.

Insomma, tutto ciò che è accaduto dopo lo sparo va riscritto, così come le resposabilità e il movente: sembra infatti che Macciò avesse assunto sostanze stupefacenti, il che potrebbe far riscrivere completamente questa storia.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.