IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dispersa Vendone, le ricerche proseguono: si spera nel meteo favorevole per facilitare le operazioni sulle alture foto

Più informazioni su

Vendone. Proseguono le ricerche di Frigentina Del Rosario Picariello. Questa la decisione presa al termine del vertice in prefettura di questa mattina cui hanno partecipato i soccorritori che da nove giorni “inseguono” la 52enne venezuelana scomparsa domenica 2 febbraio dalla sua abitazione di Vendone.

E’ stato dunque richiesto un supplemento di ricerca almeno fino a lunedì prossimo, giorno in cui si terrà un nuovo incontro in Prefettura. Si spera in qualche risultato, complice anche il meteo favorevole che dovrebbe agevolare le operazioni rese in molti casi ancor più impegnative a causa della pioggia delle scorse ore. Sulle alture tra Vendone e Arnasco oggi sono impegnate 12 unità tra vigili del fuoco, soccorso alpino, protezione civile, Croce Rossa e corpo forestale dello Stato.

Il timore che ci si potesse arrendere, dunque, è svanito e i soccorritori proseguono nella loro incessante opera per capire che fine abbia fatto la donna che sembra essere svanita nel nulla. Gli inquirenti, dopo aver setacciato la vita personale della donna, propendono sempre per la tesi dell’allontanamento volontario (e eventuale morte a seguito di una disgrazia). Pare che non vi siano punti oscuri nella vita di Frigentina: né nelle sue amicizie né tra i suoi parenti. Nessuno – secondo quanto ricostruito finora – poteva avercela con lei al punto di farle del male. L’unico “male oscuro” era quella depressione di cui la 52enne soffriva da tempo: di qui il timore che possa anche aver compiuto un’azione disperata.

Si lavora ora sugli unici indizi ritrovati tra i boschi. E’ appurato che le ciabatte, il telefono e la giacca rinvenuti siano di Frigentina. Sul coltello da cucina, invece, non vi è questa certezza: è anche possibile che appartenga a fungaioli, cacciatori o, in generale, a chi solitamente “frequenta” quei boschi.

Certo è che il ritrovamento di questi oggetti solo qualche giorno dopo l’inizio delle ricerche e in una zona già battuta dai soccorritori ha fatto pensare a possibili depistaggi (anche se gli inquirenti non escludono che possa trattarsi di iniziative di qualche “burlone”). Fatto sta che la domanda rimane sempre la stessa: che fine ha fatto Frigentina? A tentare di dare una risposta sarà anche la trasmissione “Chi l’ha visto?” in onda domani sera su Rai3.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Ma questi oggetti lasciati nel bosco, tra cui un coltello, trattasi verosimilmente di depistaggi a mio avviso.Non sarebbe opportuno quindi ascoltare qualche persona vicina alla donna? Se non parenti quantomeno qualche “migliore amico” o “amico del cuore” di sesso maschile? Non penso che la venezuelana vivesse completamente sola e isolata in Liguria; è sudamercana, e laggiù sono molto socievoli ed espansivi generalmente…