IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autotrasporto: “Si blocchi il cabotaggio estero”, l’allarme della Cna-Fita

Più informazioni su

Liguria. Appello lanciato dall’autotrasporto ligure: “Si blocchi il cabotaggio estero”. Questa la richiesta di Cna-Fita al futuro Governo.

“La politica chiede tempo ma le imprese non ce l’hanno. In attesa delle riforme strutturali e del cambiamento tanto sbandierato, si faccia oggi l’unica cosa realmente utile per le imprese dell`autotrasporto italiane: si blocchi l’emorragia”. Cosi si legge nell’odierno appello della Cna Fita nazionale che ha raccolto l’allarmante grido lanciato da mesi da parte delle imprese dell`autotrasporto ligure.

La crisi nel mondo dell’autotrasporto sta assumendo contorni emergenziali preoccupanti. “Le imprese italiane, sotto il peso del continuo aumento dei costi, stanno letteralmente collassando e al loro posto si stanno sostituendo, con il cabotaggio estero, le aziende dei paesi dell’Est Europa sempre più agguerrite e con vantaggi competitivi sul costo del lavoro, delle assicurazioni e del carburante assolutamente non comparabili o replicabili dalle nostre imprese”.

Il settore sta subendo un “attacco” senza precedenti con gravissime ripercussioni in termini economici per tutto il Paese. Minore contribuzione previdenziale, minori tasse e soprattutto minore sicurezza. “Ogni giorno le imprese dell`autotrasporto, in specie quelle liguri, debbono contrastare la concorrenza senza precedenti dei vettori esteri e molti di questi sono Italiani che hanno delocalizzato le loro imprese in paesi dell` est Europa” afferma il responsabile della Cna Fita Liguria Gino Angelo Lattanzi, che evidenzia : “Nonostante che abbiamo segnalato, più volte, questa grave situazione, agli organi di controllo preposti e alla Prefetto coordinatore di Genova per la Liguria”.

“Quanto sta accadendo è un vero e proprio stravolgimento della leale concorrenza, in un mercato europeo che deve essere necessariamente reso uguale e omogeneo in termini di normative fiscali e regole del lavoro, bisogna intervenire con decisione per bloccare questa situazione che sempre più sta uccidendo centinaia di imprese dell`autotrasporto sopravvissute in questi ultimi anni di falcidiante crisi economica”.

“Bene ha, ulteriormente, fatto la Cna-Fita nazionale – conclude Lattanzi – nel richiamare l`attenzione delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil Trasporti in quanto la corretta concorrenza determinata dalla regolare applicazione dei contratti di lavoro è sinonimo di legalità e sicurezza sulle strade e nei luoghi di lavoro, e quando si parla di legalità e sicurezza, sia le Istituzioni e sia le organizzazioni della rappresentanza sociale devono responsabilmente intervenire”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.