IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Viabilità, critica la spaccatura a Testico. Schneck: “Non potremmo far fronte a una nuova ondata di disastri”

“Noi non ci limitiamo a chiudere le strade e basta, come fanno tutte le altre province liguri e la maggior parte di quelle italiane. Noi siamo ancora una delle poche che riesce a trovare la forza economica di ripristinarle e riaprirle. Ma non sono certo che potremmo sopportare un’altra ondata di maltempo come l’ultima”.

Crepa asfalto Alassio Testico

L’allarme arriva da Roberto Schneck, assessore provinciale alla viabilità. “Il nostro territorio è tanto bello quanto fragile; e per quanto la nostra provincia sia la seconda più virtuosa in Italia, su 106, trovare i soldi per rimediare a questi continui disastri sta diventando davvero un problema. Le casse sono pericolosamente vuote”. Bisogna evitare di continuare a correre dietro ai disastri, dice Schneck, è il momento di cercare di convincere il Governo a pianificare gli interventi sul territorio.

Al momento sono state liberate le frane di Casanova Lerrone, grazie ad uno stanziamento in somma urgenza di 175.000 euro da parte della provincia, e due frane a Testico, in zona San Damiano.

Rimangono critiche invece altre situazioni. Una in particolare è a circa 1 km da Testico, ed impedisce agli abitanti del paese di scendere ad Alassio: unica chance passare per Stellanello ed Andora. “In quel tratto lo strappo del manto stradale è grave – spiega Schneck – la crepa è larga 15 cm e profonda 30, e si estende per circa 80 metri di lunghezza. Per fortuna in quel punto la carreggiata molto larga, quindi appena il terreno sarà asciutto tenteremo una ricarica di asfalto sul lato a monte, per consentire almeno il transito a senso unico alternato”.

“Stiamo formalizzando tutte le schede da mandare alla Regione – conclude Schneck – alla quale arriveranno a breve i fondi dello stato di calamità: a quel punto potremo agire in maniera definitiva”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    è assurdo aver tante piccole amministrazioni con competenze mal riposte …
    la viabilità non riguarda il singolo comune (che è privo delle competenze necessarie a far sì che le strade italiane siano “tutte” regolate nello stesso modo) ma l’intera comunità.
    .
    Le amministrazioni locali sperperano quattrini per tutto l’anno e poi .. sono impreparate a risolvere i problemi che “giustamente” non dovrebbero essere i loro.
    .
    Quasi tutte le competenze attribuite ai comuni … andrebbero trasferite alla regione lasciando al comune. …. compiti che riguardano …. che interessano … “esclusivamente” le popolazioni locali …. e sono veramente pochi i compiti che ad un livello superiore non verrebbero gestiti meglio ed in modo meno dispendioso.
    .
    Personalmente credo che oltre alle sagre paesane … ben poco sia “ben gestibile” ad un livello così basso.