IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rincaro sui pedaggi, altra mazzata per l’autotrasporto: la categoria chiede incontro al governo

Liguria. “Rischiano di essere insopportabili per l’autotrasporto italiano i rincari nei pedaggi autostradali autorizzati in queste ore dal governo”. Lo afferma Maurizio Longo, Segretario Generale di Trasportounito, chiedendo l’immediata convocazione da parte del ministro Lupi, sia delle associazioni che rappresentano l’autotrasporto, sia di quelle che danno voce ai consumatori.

La crisi in atto nel paese, e lo stato fallimentare del comparto dell’autotrasporto rende indispensabile una trasparenza sui contratti che regolano i rapporti fra lo Stato e le concessionarie autostradali, ma specialmente su rapporti, instaurati da passati governi, che consentono ai grandi gruppi oggi “proprietari” della rete autostradale, di regolare i loro flussi di cassa, e quindi i loro utili, semplicemente agendo a pie di lista sulla leva delle tariffe. “Al ministro Lupi – prosegue Longo – chiediamo con forza di spiegarci le condizioni contrattuali vigenti, i vincoli ai quali presidenti del Consiglio e ministri hanno assoggettato lo Stato e quindi il paese e le eventuali misure da intraprendere affinché sia garantita al Paese la misura costo/beneficio delle nostre infrastrutture”.
Per quanto riguarda l’autotrasporto, l’aumento dei pedaggi che il governo ha indicato nel 3,9% (anche se in alcune tratte l’aumento non appare giustificabile) si aggiunge a rincari per il 16,7 % applicati dall’inizio della crisi. Tutto ciò, unitamente agli incrementi nei costi di produzione dei servizi (gasolio, assicurazioni, oneri) ha determinato una situazione per la quale in Italia il costo su strada delle merci è il più alto d’Europa, superando abbondantemente la soglia dell1,5 euro/km.

“In teoria – evidenzia Maurizio Longo, Segretario Generale di Trasportounito – tali costi dovrebbero essere sistematicamente ribaltati al costo delle merci. In realtà, i committenti continuano a chiedere ribassi delle tariffe approfittando della debolezza contrattuale e del forte indebitamento delle imprese di autotrasporto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rapalino

    La mazzata la prendono solo gli utenti “normali” visto che al limite gli autotrasportatori possono aumentare i costi………………

  2. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Ho preso più volte l’autostrada Genova – Ventimiglia in ambo le direzioni (purtroppo) durante le festività e quasi ogni volta mi sono dovuto fermare in coda per ore per problemi vari, mezzi fermi, incidenti, lavori….ecc….ecc….considerando che è la tratta più cara d’Italia, che dire: COMPLIMENTI !!!

  3. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    Bene bene, siamo la regione con la peggior rete di trasporti la peggiore autostrada nonchè la più cara, dove solo nel 2013 è iniziata la sostituzione dei guard rail mettendoli a norma, dove non è presente nemmeno la corsia di emergenza, dove gli autogrill chiudono alla faccia della società Autostrade che pur peggiorando il servizio aumenta ogni anno il prezzo.
    Ci faranno pagare anche le barriere anti-ru,more, come se queste fossero di qualche utilità a chi viaggia in autostrada!!! Patetici Buffoni!