Cronaca

Inchiesta “patenti facili”: dissequestrate le sedi dell’autoscuola Marziano

Loano. Sono state dissequestrate le quattro sedi (due a Loano, una a Pietra ed una a Ceriale) dell’autoscuola Marziano, finite nel maggio 2013 al centro di un’indagine della Polstrada. Da ieri, su disposizione del gip, i sigilli sono stati tolti dalle strutture che, vista anche la revoca della sospensione della licenza da parte dell’ufficio provinciale Trasporti, potranno riprendere l’attività.

L’accusa mossa nei confronti dei gestori dell’autoscuola è quella di aver messo in piedi un sistema per conseguire “patenti facili”: agli esami, secondo la polizia, venivano mandati dei sosia per superare la teoria al posto dei veri candidati. Un’accusa che i titolari della Marziano avevano sempre respinto con decisione.

Nell’operazione ribattezzata “Easy Licence” erano finite nei guai altre nove persone: Rosanna Marziano, il padre Domenico, di 70, un medico, Giuseppe B., nato a Napoli, ma residente a Bologna, due cittadini albanesi e un venticinquenne italiano residente di Borghetto Santo Spirito. In seguito erano stati indagati altri due cittadini albanesi ed un italiano che avrebbero fatto le prime ammissioni, ricostruendo agli investigatori le dinamiche sulle “agevolazioni” per conseguire il titolo di guida.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.