Prefettura: consegnate le onorificenze OMRI. Basilicata: “Queste persone ci danno un segnale di speranza”

Savona. A partire dalle ore 10 di oggi, presso la Prefettura, si è tenuta la cerimonia di consegna dei diplomi delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana concesse dal Presidente della Repubblica il 2 giugno scorso a 14 cittadini savonesi.

Hanno ricevuto il diploma di cavaliere il geom. Pier Giorgio Accinelli, il sig. Giuliano Becco, il sig. Maurizio Bertuzzo, il sig. Vittorio Sebastiano Bonifacino, il sig. Alessandro Calcagno, il sig. Giuseppe Ciuti, il prof. Carlo Colla, il luogoten. cc Giuseppe Corrado, la sig.ra Elisabetta Favetta, il geom. Pierluigi Formica, la dott.ssa Francesca Imperiale, l’app. scelto cc Roberto Polidori, il sig. Elvio Stenca.

Riceverà inoltre il diploma di ufficiale il sig. Nello Scrimaglio. Nell’occasione sarà consegnata al mar. capo cc in congedo Giorgio Cucca, ferito a Nassirya, la medaglia d’oro a ricordo dell’onorificenza di “Vittima del Terrorismo” conferitagli dal Presidente della Repubblica.

Il prefetto Gerardina Basilicata dichiara: “Per noi è una giornata molto significativa, soprattutto in questo momento di difficoltà queste persone ci danno un segnale di speranza e un segnale di fiducia. E’ il merito che viene riconosciuto. Questo vale soprattutto per i giovani”.

“Il messaggio per il 2014 è rivolto ai giovani e a tutti quelli che sono in difficoltà – prosegue -. Per me il Natale è un punto di partenza, festeggiato non solo dai cattolici ma da tutte le civiltà. Un punto di partenza per un 2014 migliore, con l’impegno di tutte le istituzioni e di tutti coloro che si impegnano quotidianamente nella società civile”.

Quale 2014 sarà, sul fronte della sicurezza, per il territorio savonese? “Ho avuto modo di dire che anni facili non ne ho mai vissuti – afferma il prefetto -. O in un modo o nell’altro dobbiamo sempre rimboccarci le maniche e stare insieme alla gente per superare le difficoltà. Spero che il 2014 sia migliore per tutti; queste speranze sono appoggiate da segnali positivi. Sul fronte della sicurezza molto è stato fatto, molto c’è da fare. Con l’impegno di tutti verremo fuori da questa situazione di difficoltà”.

Un periodo che si vive con una certa preoccupazione. “La preoccupazione è anche un modo per essere responsabili nei momenti difficili – sottolinea Basilicata – ma c’è la consapevolezza che si sta facendo di tutto per venire fuori da questo momento”.

leggi anche
cena amici generica
Futuro
Le Regioni spingono per le riaperture: tra le ipotesi, ristoranti aperti la sera a maggio

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.