IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power “regala” a Vado un’area di tremila metri quadri: “A disposizione della cittadinanza. I ricorsi? Attendiamo responso” foto

Vado L. Spazi di proprietà della centrale di Vado Ligure Tirreno Power, ma resi fruibili anche alla cittadinanza. Sono molti, e a questi va ad aggiungersi oggi anche un’area che sarà utilizzata per la sosta dei camper (70 postazioni disponibili).

tirreno power

“Si tratta di uno spazio che può essere utilizzato dalla comunità in maniera utile e rispecchia la volontà di Tirreno Power di rendere disponibili ai cittadini tutte quelle aree che non sono strettamente necessarie all’esercizio della centrale – Enrico Erulo, direttore Affari Generali e Legali di Tirreno Power – Con questo passaggio abbiamo formalizzato un’area di circa 3000 metri quadri in prossimità dell’Aurelia che viene utilizzata come area sosta per i camper”.

Ma non è l’unico spazio di proprietà della centrale vadese ad essere a disposizione della cittadinanza. “Vi sono anche il pontile a mare, che pur essendo utlizzato per l’esercizio della centrale è reso fuibile alla cittadinanza e ai turisti come passeggiata – continua Erulo – Poi verso la zona di Quiliano, sono disponibili degli spazi presso lo stadio Chittolina”.

Che si tratti di un segno di disgelo tra azienda e ente pubblico, in opposizione da tempo per il progetto dell’ampliamento della centrale? “A prescindere dalle visioni di diverse su alcuni progetti, non c’è alcun bisogno di un disgelo, perché i rapporti rimangono sempre in un ambito di correttezza e cordialità”. E, a proposito dei ricorsi presentati dai Comuni di Quiliano e Vado Ligure contro l’AIA, preoccupati per la realizzazione di un terzo gruppo a carbone, in affiancamento ai due già esistenti, Erulo taglia corto: “I ricorsi saranno sdiscussi in autunno, noi siamo sereni, aspettiamo con tranquillità il responso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gianni maio
    Scritto da gianni maio

    quoto folgore come sempre …..il resto sono solo parole al vento dette da persone impreparate e ignoranti in materia pregne di preclusioni mentali e pregiudizialmente “sparate” sul web al solo scopo di creare distorsioni e lacune per spaventare la gente…..fatemelo veramente il piacere!!!

  2. Scritto da Riccardo Ciccione

    Chissà se è sempre valido e lo constateremo piuttosto presto,
    Quando il diavolo accarezza vuole l’anima.
    Nella mia ormai lunga vita tutto ciò che ho avuto,quasi,gratuitamente m’è costato troppo caro.Speriamo che non sia così anche in questo caso.che riguarda tutti noi.
    Non bisogna dimenticare ciò che affermava il Machiavelli : Il fine giustifica il mezzo

  3. Scritto da megiucheninte

    Cari folgore e franco, dove pensate che vadano i camion?
    Quelli che non vanno nella centrale elettrica vanno verso la piattaforma.
    Quindi oltre a respirare i fumi prodotti dal vostro carbone e dalle navi che attraccano alla vostra piattaforma dobbiamo pure respirarci i fumi dei camion che tutti i giorni dell’anno raggiungono queste amene località.
    Ma fateci veramente il piacere!!

  4. folgore
    Scritto da folgore

    E ti pareva, all’italiana, se fai pagare le cose la gente si incavola, se le regali si incavola, e c’è chi addirittura vorrebbe sempre di più. Siamo il solito popolo di scontenti, addirittura c’è chi come @lui la plume a cui non basta la zona per il parcheggio vorrebbe tutto gratis, la navetta e poi? anche un buono sconto per la coop?
    @birba52, come detto e ridetto e fatto giustamente notare da Carlo M. mentre le emissioni delle centrali costantemente sotto controllo sono diminuite drasticamente è aumentato il traffico veicolare, ma nessuno fa battaglie per chiudere tutte le arterie di Vado, perchè la macchina è piccola e sembra innocua, ma 10000 macchine ed altrettanti camion sono peggio di una centrale!
    Lottare contro le macchine però significa dover portare a piedi i bimbi a scuola, dover portare le borse della spesa a piedi a casa, significa dover rinunciare a molte comodità, quindi molto meglio far finta di nulla vero?

  5. Scritto da Franco Tella

    Se fossi il proprietario della centrale non solo non darei al territorio una beata minchia, ma toglierei anche tutte le sovvenzioni già in essere. Tanto i sacenti del NO diranno sempre le solite fandonie tanto vale abbassare le spese.