IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Siria, da Albenga e Loano adesioni all’appello per la pace di Papa Francesco

Albenga/Loano. Eraldo Ciangherotti e Remo Zaccaria aderiscono alla giornata di digiuno lanciata da Papa Francesco per la pace in Siria. Dopo le adesioni dei ministri Mario Mauro, Giampiero D’Alia ed Emma Bonino, anche l’assessore del Comune di Albenga e il vice sindaco del Comune di Loano annunciano di partecipare all’iniziativa promossa dal Vaticano e dal Pontefice, per scongiurare l’eventualità di una nuova guerra in Medio Oriente.

“Il mondo non ha bisogno di una nuova guerra – afferma il loanese Remo Zaccaria – e per questo motivo ci schieriamo al fianco di Papa Francesco, la cui iniziativa è stata da noi accolta con grande entusiasmo. Non si tratta di una protesta di tipo religioso, ma di una battaglia giusta, assolutamente pacifica, contro la violenza e contro le atrocità del conflitto armato. Già importanti esponenti del nostro Governo hanno reso nota la propria adesione, a cominciare dall’amico fraterno Mario Mauro: è significativo che il Ministro della Difesa di una delle potenze mondiali, quale è l’Italia, prenda una posizione così netta per la pace. Abbiamo aderito perché vogliamo la pace, e ci auguriamo che il digiuno goda della più ampia partecipazione possibile, anche sul nostro territorio, per lanciare un forte segnale”.

“Avrei voluto chiedere il permesso di esporre dal balcone del Palazzo Civico una gigantografia di Papa Francesco come segno di adesione e risposta al suo accorato appello alla giornata di preghiera e digiuno per la pace, proposta per sabato prossimo 7 settembre – ha detto Ciangherotti – Ma, per la cosiddetta laicità dello Stato, temo la cosa non sia possibile, o meglio non sia consigliata per tutelare la bontà dell’iniziativa da chi è allergico alla Chiesa. Allora ho chiesto al Centro Aiuto Vita ingauno di esporre l’immagine di Papa Francesco dal Palazzo delle Associazioni cattoliche, in Via Trieste. Immagine che lascerò pure sulla mia bacheca di facebook per tutta la giornata, a partire da domani sera e fino alla mezzanotte di sabato”.

“A tale proposta hanno aderito anche tanti non cristiani e non credenti: il Papa infatti si è rivolto a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, chiedendo loro di esprimere preghiera e digiuno, nei luoghi e nei modi consoni all’indole religiosa di ciascuno, per scongiurare ancora una volta i rischi e gli orrori della guerra, invitando a consolidare la convinzione che le operazioni belliche non possono mai costituire una vera e buona soluzione a situazioni di ingiustizia e oppressione. Ecco perché aderisco all’appello del Papa nel rispetto di tutte le convinzioni religiose e culturali ed auspico che, anche nella Città di Albenga e non solo qui, si moltiplichino le iniziative a sostegno della vera pace e di solidarietà nei confronti di ogni vittima dell’ingiustizia e dell’oppressione” conclude l’assessore ingauno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da _________

    Ma questi emuli di Pannella si accorgono solo ora, dopo 2 anni e 100000 morti, che in Siria c’è la guerra? Digiunano……che dire….buon appetito a tutti gli altri.