IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuola, Rossetti: “Più integrazione col mondo del lavoro e rendere gli edifici sicuri”

Più informazioni su

Liguria. “Il decreto scuola è un buon inizio, ma ci sono elementi che vanno completati a partire dall’alta formazione professionale, dall’alternanza scuola-lavoro e dall’incremento delle risorse per le apparecchiature a favore degli istituti tecnico-professionali”. Lo ha detto l’assessore al Bilancio e dalla Formazione della Regione Liguria, Pippo Rossetti, a margine della visita del sottosegretario all’Istruzione, Gabriele Toccafondi, all’ITS della Marina Mercantile di Genova. “Il decreto – ha detto Rossetti – tiene fede all’impegno del Governo di reinvestire sul sistema scolastico, evitando tagli lineari ed è un buon punto di partenza. Ma bisogna completare il tutto con una maggiore integrazione tra scuola e il mercato del lavoro”.

A proposito dell’edilizia scolatica Rossetti ha affermato: “Se oltre ai 300 milioni che il Governo ha stanziato per quest’anno a favore dell’edilizia scolastica si aggiungessero altri 200milioni negli anni successivi si potrebbe riuscire ad invertire la rotta e garantire la sicurezza degli studenti e di chi lavora nelle scuole”.

“Bisogna essere consapevoli – ha detto Rossetti – che il fabbisogno italiano per mettere in sicurezza le scuole equivale a 2 miliardi. L’importante pero’ è che la scuola sia un punto di investimento e di interesse collettivo come ha dimostrato il decreto. Dal canto suo la Regione Liguria ha stanziato recentemente 4 milioni di euro per l’edilizia scolastica, a partire dalla bonifica dall’amianto e ulteriori misure verranno assunte per sostenere il processo di intervento sulle infrastrutture che è complicato, ma richiede azioni rapide”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.