IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Questuanti a Savona, la Lega: “Caporalato dell’elemosina, l’amministrazione ignora il problema”

Savona. “L’amministrazione comunale ha completamente ignorato le nostre segnalazioni sulla questione del ‘caporalato dell’elemosina’” dichiara Massimo Arecco, segretario cittadino della Lega Nord e capogruppo in consiglio comunale a Savona.

“E’ cronaca di questi giorni – prosegue – che le forze dell’ordine stiano indagando su quello che è stato definito il caporalato dell’elemosina. Lo scorso giugno, io stesso presentai una interpellanza urgente al riguardo, rivolgendomi al sindaco Berruti e all’assessore competente, per segnalare un incremento di persone che chiedono in maniera insistente l’elemosina, portando all’attenzione della giunta le numerosissime segnalazioni pervenute dai cittadini”.

“Poiché una buona parte dei questuanti proviene ogni mattina dalla zona della stazione ferroviaria, e si reca contemporaneamente negli abituali punti di sosta seguendo lo stesso orario, avevamo ipotizzato che queste persone fossero ‘reclutate’ e sfruttate da qualche associazione malavitosa: evidenziando il disagio per i cittadini e il danno di immagine per la città, invitai l’Amministrazione a prendere provvedimenti – afferma Arecco – Duole notare, tuttavia, che il Vice Sindaco Di Tullio, pur promettendo di inoltrare l’interpellanza alle autorità, non più tardi dello scorso giugno, in sede di Consiglio Comunale aveva risposto, testuali parole, che ‘le questioni riportate non risultano’”.

“’Non pare a questa amministrazione che vi sia un particolare aumento di presenza di questuanti. Chiedere l’elemosina non è un reato’ erano state le testuali parole del vicesindaco, che aveva inoltre aggiunto che ‘laddove se ne verificasse il caso, che al momento attuale non è successo, si dovessero creare problemi di convivenza, li affronteremo’. Bene, caro sindaco e caro vice sindaco, da opposizione responsabile quale siamo, alla luce delle recenti notizie, riteniamo sia opportuno, oggi, riconoscere l’esistenza del problema, attivarsi e affrontare adeguatamente. Non lo chiede solo la Lega Nord, lo chiedono i savonesi” conclude Arecco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Schiavi del SiStEmA

    ho parlato, un giorno cn uno di loro davanti al Gulliver..”guadagna” oltre 40 € al gg in monetine e ognuno ha il suo posto fisso…guai a “rubargli” la zona…
    addirittura quello alla Conad di via Servettaz è parte attiva nelle mansioni del supermercato, opera anche all’interno dello stesso mettendo a posto i pallets scaricati dai camion e carica sugli stessi quelli vuoti! immagino abbia un regolare contratto.
    Arrivano a conoscere le abitudini e le persone del quartiere e qualcuno sospetta che (per sentito dire) diano delle “dritte” ai topi d’appartamento…..

  2. Scritto da rapalino

    ” magari anche qualche verifica sui venditori abusivi che alla sera inondano la stazione, nella stagione estiva… ”

    …………..si cosi a qualcuno tocca lavorare………………….;-)

  3. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Che arrivassero con il treno, ve lo dicevo io……
    Sono anni
    Ve ne siete accorto ora
    Succede in tutte le città
    Arrivano
    Si dividono le zone e…… Al lavoro
    Con bimbi e binbette!!!!!!!

  4. marty74
    Scritto da marty74

    magari anche qualche verifica sui venditori abusivi che alla sera inondano la stazione, nella stagione estiva…