IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovi furti ai danni di negozi ingauni, il sindaco: “Mano tesa ai commercianti. Nessuna richiesta per consiglio comunale ad hoc”

Albenga. Dal centro alla periferia. I ladri “ingauni” non si fanno mancare proprio nulla e, dopo la sfilza di furti e spaccate che ha caratterizzato il mese di agosto, sembrano ora essersi spostati oltre il “ponte rosso”, prendendo di mira gli esercizi commerciali del quartiere di Vadino.

Nel corso della scorsa settimana, i soliti ignoti, dopo aver visitato il bar “Mood” presso il fortino di piazza Europa sottraendo poche centinaia di euro di fondo cassa, si sono concentrati nella porzione di città oltre il fiume Centa, e in particolare su via Einaudi, dove hanno fatto visita alla pasticceria “Bertola” e alla vicina palestra “GB Club”. Il modus operandi sembra essere sempre lo stesso: vetrine spaccate o porte forzate di negozi cittadini, una rapida occhiata al registratore di cassa da cui sottrarre solitamente miseri bottini, per poi fuggire indisturbati chissà dove. Non si sa se si tratti della stessa banda o di più ladri che agiscono separatamente, fatto sta che nuovi commercianti si uniscono al grido d’allarme di chi è stato danneggiato questa estate.

“Nella notte tra lunedì e martedì scorso hanno tentato di spaccare la vetrina del retrobottega ma, avendo i vetri anti sfondamento, non ci sono riusciti: infatti abbiamo trovato una spranga e un sasso con i quali non sono riusciti a penetrare nel negozio – spiega Francesca Rupil della pasticceria “Bertola” – Infine si sono arrampicati per qualche metro e sono entrati dalla finestra del bagno, per poi ‘sradicare’ letteralmente il registratore di cassa e portare via circa 400 euro. Il danno causatoci, invece, è pari a più di 600 euro, ma per fortuna siamo assicurati. E’ il primo furto che subiamo, questa è sempre stata una zona piuttosto tranquilla. Certo è che questi ladri sembrano in grado di agire un po’ ovunque, dal centro alla periferia. E ora, evidentemente, hanno preso di mira questo quartiere”.

Prima di andare via, i malviventi hanno aperto il frigo per dissetarsi portando via qualche bottiglia. Chissà, forse per prepararsi per il saccheggio successivo. Fatto sta che qualche sera dopo hanno optato per la palestra della zona, in cui però sarebbero rimasti a bocca asciutta, spaccando “solo” un vetro e danneggiando una parete di cartongesso dietro la quale speravano probabilmente di trovare la cassaforte. Al di là dei bottini portati via, per i negozianti colpiti si tratta di spese non previste che creano molti grattacapi visto il periodo tutt’altro che roseo. L’ideale sarebbe di dotarsi di sistemi di videosorveglianza, ma l’iter burocratico sembra troppo complicato così come il fattore-spesa pare essere un deterrente piuttosto forte. E’ per questo che il Comune, dopo gli annunci delle scorse settimane, ha deciso di agire.

“Consapevoli del fatto che vi siano percorsi burocratici complessi, abbiamo chiesto all’Ufficio Informatica di mettersi a disposizione dei singoli titolari di attività che volessero prendere contatti e procedere per il rilascio di autorizzazioni – precisa il sindaco Rosy Guarnieri – Per quanto riguarda il fondo, invece, ho personalmente preso contatti con istituti bancari, che si sono detti disposti ad avviare un progetto con i commercianti, riuniti in associazioni di categoria. A tal proposito, credo che tali associazioni, da Confcommercio a Confesercenti, siano già dotate di una forma di fondo a rotazione, a sostegno economico dei titolari di attività per l’acquisto di impianti”.

Il sindaco aveva anche accolto la proposta del capogruppo del Pd in consiglio comunale, Mariangelo Vio, di riunire un consiglio comunale sulla sicurezza, ma tutto è rimasto al momento sospeso. “Se la minoranza vuole un consiglio comunale ad hoc, lo richieda ufficialmente, non solo sui giornali. Per quanto mi riguarda, sul fronte della sicurezza, mi coordino e mi confronto con prefettura, forze dell’ordine e componenti del Comitato Sicurezza, e credo che Vio e compagni abbiano poco o nulla da insegnarmi, in materia” conclude il primo cittadino ingauno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    . .eh si, hai ragione @nonicknoname . . . sembra che IVG cerchi sempre il pelo nell’uovo solo tra le amministrazioni di centrodestra . . .chissà perché . . .

  2. Muttley
    Scritto da Muttley

    ..ma dico..ci vuole una scienza quindi per risolvere questa situazione??!…..bla bla bla…quante chiacchere….

  3. Scritto da NoNickNoName

    ivg sempre alla ricerca della notiziona eh. sembra che in italia ci siano solo piu furti ad albenga.