IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maxi discarica abusiva di 5 mila metri quadri sulla sponda del torrente Merula: 5 denunce

Andora. Ampia la documentazione fotografica dall’elicottero che ha accertato la presenza di una maxi discarica in zona Molino Nuovo ad Andora, sul terreno demaniale fluviale del torrente Merula. La sezione aerea della guardia di finanza di Genova, insieme al quella operativa navale di Savona, ha portato a segno un’altra operazione, questa volta battezzata “Iron”. L’imponente discarica illecita, di oltre 5 mila metri quadri, è stata sequestrata.

L’area è risultata essere utilizzata da più soggetti, in violazione di ogni forma concessoria. I finanzieri hanno riscontrato uno stato di grave abbandono di rifiuti di ogni genere, anche speciali e pericolosi, nonché la presenza di manufatti privi di qualsiasi titolo autorizzativo.

Denunciate a piede libero cinque persone, che si erano suddivise illecitamente la discarica: sono contestati i reati di gestione di rifiuti non autorizzata, invasione (occupazione illecita) di terreni o edifici, distruzione o deturpamento di bellezze naturali e abuso edilizio.

Spiegano le fiamme gialle che hanno portato a termine l’operazione “Iron”: “L’attività si inserisce in un più ampio piano predisposto dalla componente aeronavale della guardia di finanza ligure, finalizzato in via diretta alla tutela dell’ambiente marino e della costa, del territorio, degli equilibri del sistema idrogeologico e del demanio, per colpire quei soggetti che, perpetrando abusi a danno della collettività, si avvantaggiano traendo benefici economico-finanziari, in termini di mancata corresponsione di oneri dovuti”.

“Le aree incriminate spesso sono originariamente utilizzate come depositi o sedi strumentali allo svolgimento di attività imprenditoriali e nel tempo vengono trasformate in discariche abusive. Se queste, poi, come nell’operazione odierna, risiedono a margine di corsi d’acqua, vengono a costituire un grave pericolo di carattere idrogeologico nel momento in cui si verifichino intensi e improvvisi eventi meteorici, tali da provocare esondazioni” concludono le fiamme gialle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    @Roberto Scarlatta; per fortuna qualcuno che capisce esiste; a @Perseo invece la prossima volta farò un disegnino.

  2. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Correggo i 5 anni (che saranno molti di più) con i 5mila metri quadri (che come dice El Rey sono impossibili da passare inosservati se “si fa(o si vuole fare) il proprio dovere”

  3. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Perseo, quello che ha detto El Rey è chiarissimo: le palanche, erano la tangente che serviva a “chiudere un occhio”, infatti ha perfettamente ragione ad essere perplesso sullo strano fatto che in 5 anni nessuno se ne fosse accorto… curioso come a volte non si distinguano le guardie dai ladri.

  4. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Mi pare che nella nostra società il crimine la faccia da padrone, e questo da ormai quasi 70 anni: secondo il mio parere, per “visualizzare” meglio il problema dovete immaginare un incontro di pugilato… da una parte il pugile che rappresenta colui che deve difendere i cittadini proteggendoli dal crimine; egli indossa guantoni regolamentari, rispetta le regole non colpendo sotto la cintura, dietro il collo ecc. Nell’angolo opposto troviamo il pugile che rappresenta il crimine; esso al posto dei guantoni usa dei pugni di ferro con spuntoni e lame, colpisce sotto la cintura e dietro al collo…. Capite bene ( gli ultimi decenni lo hanno ampiamente dimostrato) che con questo sistema è impossibile vincere contro il crimine ed è inutile che i buonisti continuino ad arrampicarsi sugli specchi… Tornando alla notizia in topic, se chi ha inquinato venisse sbattuto in galera a vita e costretto a pasteggiare con cibo contaminato dalle porcherie che egli stesso ha versato nel fiume… sono certo che i casi come quello diminuirebbero drasticamente.

  5. Scritto da Perseo

    ….scucire palanche??? el rey ti sei capito da solo…