IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il treno per Savona viene soppresso ma poi riparte per La Spezia: pendolari increduli

Savona. Un controllore è salito a bordo e ha annunciato la soppressione del convoglio, invitando tutti i passeggeri a scendere dalle carrozze. E’ successo oggi pomeriggio alla stazione di Brignole a Genova, sul treno delle 18 e 17 diretto a Savona, con i pendolari che erano già seduti e pronti alla partenza.

“In 10 anni di pendolarismo non è mai successo niente di simile”, è il racconto di uno dei tanti pendolari della tratta Savona-Genova.

“Siamo scesi e ci è stato detto che il primo treno per Savona sarebbe partito verso le 18:50 perché a causa di un problema tecnico quello delle 18:17 era soppresso. La stessa cosa è stata annunciata dall’altoparlante della stazione, non dalla classica voce registrata, ma dal personale”.

E così i passeggeri, circa un centinaio, sono scesi. In molti hanno deciso di andare in stazione abbandonando il binario numero 2.

“Quello che ha dell’incredibile è che pochi minuti dopo i display del binario si sono aggiornati e quello che prima era il treno diretto a Savona è diventato magicamente il regionale #11293, in partenza alle 18:20 per La Spezia – continua il pendolare – Allora ho camminato fino alla testa del treno per chiedere come mai un problema tecnico impediva al treno di partire alle 18:17 per Savona, ma poi, senza apparentemente modifica alla sua composizione, motrici e vagoni infatti non erano stati toccati, poteva partire alle 18:20 per la direzione opposta”.

La risposta data dal macchinista è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, per chi, quotidianamente, vive i continui disservizi e ritardi cronici: “Mi ha detto che era stato precedentemente soppresso un convoglio per La Spezia e che quindi dai ‘piani alti’ avevano deciso di cancellare il nostro treno per Savona e farlo diventare in un convoglio diretto a La Spezia”.

Il treno è poi effettivamente partito in direzione levante con qualche minuto di ritardo, lasciando i passeggeri imbufaliti sul marciapiede in attesa di quello che, forse, li riporterà nuovamente a casa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    @Pinuccia leggi meglio la prossima volta: “Siamo scesi e ci è stato detto che il primo treno per Savona sarebbe partito verso le 18:50 perché a causa di un problema tecnico quello delle 18:17 era soppresso. La stessa cosa è stata annunciata dall’altoparlante della stazione, non dalla classica voce registrata, ma dal personale”. Poveracci, che c’entrano i ferrovieri della stazione o del treno…? Prendono per il c.lo i passeggeri e, ripeto, prendono ugualmente lo stipendio il 27 del mese anche se i treni non partono, vengono soppressi o arrivano con ore di ritardo. Nonna, dimmi un po’ ma lavoravi in ferrovia per caso?

  2. marty74
    Scritto da marty74

    che i pendolari siano increduli per queste cose, non ci credo

  3. Scritto da El Rey del Mundo

    Va bene, allora dal super dirigente di Trenitalia sino al più modesto pulitore di carrozze assunto da qualche cooperativa il 27 del mese lo stipendio lo percepisce lo stesso; già, macchinisti e controllori poveracci non c’entrano nulla, i manager neppure dato che non si occupano di comunicazione, i capi stazione neppure perché la comunicazione al pubblico è stata appaltata…e allora la colpa di chi è? Intanto che me lo dite precisamente il 27 del mese è oggi e TUTTE le figure lavorative che lavorano per le Ferrovie hanno percepito lo stipendio.

  4. Scritto da Pinuccia

    Decisamente El Rey non hai capito una cippa1 Che c’entrano i macchinisti e controllori, poveracci! C’entra un Trenitalia che è al limite del terzo mondo per la gente “povera” e punta sempre più a sprecare soldi per frecce Rosse, Bianche e a pallini se possibile!!!! Quelle le usano i ricchi o comunque chi lavora in ufficio e non in qualche ditta che magari non è nemmeno a due passi dalla stazione con levatacce e ritorni che ti ammazzano di fatica! Schifo assoluto. Non c’è altro da dire!

  5. peppeskywalker
    Scritto da peppeskywalker

    TRASPORTO SU ROTAIA REGIONE LIGURIA, UN FALLIMENTO CONTINUO !!
    SIAMO A 80/100 KM DA GENOVA OGNI VOLTA CHE DEVI RAGGIUNGERE IL CAPOLUOGO SEMBRA DI ANDARE IN AUSTRALIA!!!