IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Pdl “sfrattato” dalla sede savonese: clima di incertezza con la crisi di governo

Savona. Addio alla sede provinciale del Pdl savonese. Il partito, che si appresta a tornare al vecchio nome di Forza Italia, a Savona è stato letteralmente sfrattato dopo la decisione dei vertici nazionali di contenere le spese a seguito del taglio al finanziamento ai partiti. Così da lunedì 1 ottobre il Pdl sarà senza la sede di via Paleocapa: “E’ arrivata una comunicazione da Roma, senza troppe spiegazioni…Anche se riguarda tutte le sedi provinciali” commenta il segretario provinciale Andrea Valle, ancora sorpreso dalla decisione romana. “Stiamo valutando altre soluzioni ma al momento la carenza di fondi ci impone l’attesa…”.

“A livello savonese di apprestiamo a preparare una campagna elettorale per le prossime amministrative, con numerosi comuni al voto, senza una sede provinciale, privi di un punto di riferimento anche di natura politica e di coordinamento generale sul territorio” spiega ancora Valle.

Intanto, la stessa crisi di governo aizzata dal Pdl sembra provocare qualche malumore non solo a livello nazionale ma anche in ambito locale, al di là di una possibile futura comprensione per la strategia politica adottata dai vertici del partito: “E’ questo stato confusionale e di poca stabilità interna che non aiuta e non aiuta a farci comprendere ai nostri elettori ma soprattutto ai tanti amministratori del Pdl che rappresentano il savonese impegnati ogni giorno negli enti locali. Su Imu e patto di Stabilità servono risposte immediate e certezze per far quadrare i conti” sottolinea ancora il segretario Pdl.

“Dopo il 4 ottobre convocherò un nuovo coordinamento provinciale per fare il punto della situazione. Certamente lo stop alla sede provinciale, il cambiamento del nome e ora questa crisi di governo creano una pesante situazione di incertezza per le realtà territoriali, anche per il fatto che la stagione dei congressi locali non è più arrivata…” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @ELE se non sai lascia perdere fai più bella figura!!!

  2. Scritto da ELE

    belin !! ma i soldi dei rimborsi elettorali chi li ha presi ? conti alla mano lo stato rimborsa 5 euro a elettore in liguria più o meno 367000 voti il pdl li ha presi, fanno 1835000 euro , se li sono tenuti tutti a roma ? se no cene e ribotte ne hanno fatte parecchie !!!! o mi sbaglio ?

  3. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @ IronMan dai non te la prendere è un dato di fatto che Claudio, Angelo e company questa situazione se la sono cercata, esiste la regola chi rompe paga e i cocci sono i suoi.
    ps per i sinistri il discorso è a parte

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    Avviso i soliti comunisti che pensassero alle loro sedi di partito, per altro non comprate con i soldi delle Feste dell’Unita’ ma con quelli del Partito Comunista Sovietico..avete speso soldi vostri per cambiare le targhe.. PCI poi DS poi Ulivo poi PD..

  5. Scritto da Paolomad

    Sono veramente dispiaciuto, potrebbero chiedere al buon Claudio di darsi da fare, lui una casa a costo zero sa benissimo come trovarla. In questo caso senza vista Colosseo ma sicuramente in grado di ospitare le spoglie del partito.